Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Inviando questo modulo, accetto La politica sulla privacy di NinjaOne.

La tua checklist per DevOps: 7 best practice nella distribuzione dei software

best practice nella distribuzione dei software

Errori e bug sono fin troppo comuni durante la distribuzione dei software, anche con i migliori team di sviluppo. Adottare le best practice nella distribuzione dei software consente di aumentare l’efficienza, migliorare la sicurezza e introdurre più rapidamente i prodotti sul mercato. In questo articolo vengono riportate le sette pratiche più preziose che il tuo team può iniziare a mettere in atto oggi stesso.

Che cos’è la distribuzione dei software?

Lo sviluppo e il rilascio di software è un processo che coinvolge molte fasi diverse. Ma cos’è nello specifico la distribuzione dei software e come si inserisce nel ciclo di vita dello sviluppo del software (SDLC)?

La distribuzione dei software si riferisce alla consegna finale della versione completata del software a un utente o a un sistema dove può essere utilizzato. Il processo prevede le seguenti fasi:

  • Preparazione e configurazione: Impostare gli ambienti hardware e software necessari per l’esecuzione del software.
  • Rilascio e installazione: Compilare il software in uno stato funzionante, predisporlo con tutti i file e le dipendenze necessarie e distribuirlo agli utenti finali.
  • Attivazione: Attivare e registrare il software.
  • Test e convalida: Testare il prodotto nell’ambiente reale per assicurarsi che funzioni come previsto.
  • Monitoraggio e aggiornamento: Monitorare i problemi di prestazioni e sicurezza e distribuire aggiornamenti per risolvere eventuali anomalie e migliorare la funzionalità.

Le strategie di distribuzione dei software possono variare in modo significativo in base al tipo di software e alla tecnologia coinvolta. Ecco perché le best practice nella distribuzione dei software sono importanti in tutte queste fasi.

Ostacoli all’efficienza e alla sicurezza nella distribuzione dei software

La distribuzione di software in modo efficiente e sicuro rappresenta un equilibrio complicato che implica diverse sfide. In primo luogo, la gestione di più ambienti e configurazioni è complessa e comporta un elevato rischio di errori. È necessario trovare una modalità per mantenere la coerenza e l’affidabilità tra i diversi scenari di implementazione in cloud e on-premise senza interrompere le operazioni in corso.

In termini di sicurezza, ogni fase che precede il rilascio introduce potenziali vulnerabilità che potrebbero essere sfruttate. Seguire le best practice nella distribuzione dei software per gestire le dipendenze, proteggere la trasmissione dei dati e garantire la conformità alle normative del settore è fondamentale per il successo delle strategie di distribuzione.

7 best practice nella distribuzione dei software

Il modo migliore per mantenere il ritmo delle distribuzioni è applicare costantemente le best practice nella distribuzione dei software a ogni iterazione e aggiornamento. Segui queste sette best practice per mantenere il tuo team efficiente.

La best practice numero 1: Comprendi il tuo ambiente software

Per ottimizzare le tue strategie di distribuzione dei software, inizia con una conoscenza approfondita del tuo ambiente software. Fai una chiara distinzione tra gli ambienti di sviluppo, di staging e di produzione. Ciascuno di essi serve a uno scopo specifico:

  • Sviluppo per la creazione e la prova iniziale.
  • Staging per la valutazione delle prestazioni e della sicurezza in condizioni simili alla produzione.
  • Produzione per la distribuzione finale dell’applicazione agli utenti finali.

Aggiorna e mantieni regolarmente tutti gli ambienti in modo che riproducano il più fedelmente possibile l’ambiente di produzione, soprattutto in termini di sistemi operativi, configurazioni di rete e dipendenze esterne. Tale pratica riduce le discrepanze che potrebbero portare a comportamenti inaspettati in produzione.

La best practice numero 2: Implementa l’integrazione continua e la distribuzione continua

Le pipeline di Continuous Integration e Continuous Deployment (CI/CD) automatizzano le build mentre testano, integrano e distribuiscono sistematicamente le modifiche al codice. Ecco come ottenere il massimo dalla tua pipeline CI:

  • Configura la tua pipeline CI per unire automaticamente le modifiche al codice nella branca principale, in modo tale che il nuovo codice non interferisca con la base di codice esistente.
  • Includi fasi di test automatizzato nella tua pipeline CI per convalidare l’affidabilità delle modifiche al codice.
  • Utilizza strumenti open-source come Jenkins, Travis CI o CircleCI per automatizzare le fasi di creazione e test del tuo processo di distribuzione dei software.

Per migliorare la tua pipeline di CD, ecco alcuni suggerimenti:

  • Configura CD per distribuire automaticamente le modifiche al codice nell’ambiente di produzione, in modo che i tuoi utenti abbiano sempre accesso alle più recenti funzionalità e correzioni.
  • Affidati ampiamente ai test automatizzati per convalidare le modifiche prima che vengano distribuite.
  • Esplora strumenti come NinjaOne per automatizzare da remoto il processo di distribuzione dei software e creare rollout più sicuri e controllati.

La best practice numero 3: Dai priorità alla sicurezza in ogni fase

Questa è una delle più importanti best practice per lo sviluppo dei software. La sicurezza non è solo una funzione, ma un aspetto fondamentale delle strategie di distribuzione dei software. Utilizza un approccio DevSecOps per integrare la sicurezza dalle fasi iniziali dello sviluppo fino alla distribuzione IT e oltre.

Ciò significa rendere la sicurezza una componente essenziale di tutte le operazioni quotidiane e incoraggiare la collaborazione tra i team di sviluppo, sicurezza e operazioni. Tale approccio di squadra garantisce che la sicurezza sia un aspetto vitale di tutti i processi decisionali.

E, naturalmente, mantieni le pratiche di sicurezza più importanti:

  • Gestisci automaticamente le configurazioni sicure per mantenere la coerenza tra tutti gli ambienti.
  • Mantieni il software e le dipendenze aggiornate con le più recenti patch di sicurezza.
  • Implementa il controllo degli accessi basato sui ruoli per garantire che solo il personale autorizzato abbia accesso ai sistemi critici.

La best practice numero 4: Sfrutta l’automazione per le attività di distribuzione

L’automazione IT è una scelta obbligata. Rende il processo di distribuzione dei software più veloce, più affidabile e molto meno soggetto a errori umani. Ma può anche introdurre rischi di sicurezza e complessità. È possibile integrare l’automazione in modo sicuro ed efficace attraverso:

  • L’utilizzo del controllo della versione: Inizia sempre con un rigido sistema di controllo delle versioni per gestire la tua base di codice.
  • L’implementazione di test regolari del software: Implementa test completi per identificare e risolvere i problemi il prima possibile.
  • La standardizzazione degli ambienti: Assicurati che gli ambienti di sviluppo, staging e produzione siano il più possibile simili per ridurre i problemi di compatibilità.
  • La garanzia di visibilità: Utilizza dashboard e sistemi di notifica per tenere informati i membri del team sulle strategie e sui risultati dell’implementazione IT.

La best practice numero 5: Monitora e gestisci le attività successive all’implementazione

Per assicurarti che l’implementazione nel cloud o in sede abbia successo e che il sistema rimanga affidabile e sicuro nel tempo, è necessario monitorare costantemente l’ambiente dopo l’implementazione. Puoi ottenere questo risultato con strumenti di monitoraggio automatizzati che si occupano di attività ripetitive, come i controlli dell’integrità e il monitoraggio delle prestazioni. Alcuni strumenti rilevano automaticamente i problemi e li risolvono, oppure avvisano i membri del team interessati affinché intervengano.

Inoltre, è necessario valutare regolarmente le prestazioni del sistema rispetto alle metriche chiave. Ciò include il monitoraggio delle tendenze e dei cambiamenti nella distribuzione dei dati per mantenere l’accuratezza e l’efficienza. Inoltre, comporta la raccolta di feedback da parte degli utenti finali e delle parti interessate. Analizza i dati di interazione con l’utente per capire in che modo gli utenti si relazionano con il sistema e utilizza questo feedback per un miglioramento continuo.

La best practice numero 6: Utilizza strategie di controllo delle versioni e di backup

Il controllo delle versioni e i backup proteggono la tua base di codice da perdite accidentali o modifiche dannose. Inoltre, facilitano operazioni più fluide e un recupero più rapido in caso di problemi.

I sistemi di controllo delle versioni come Git consentono di tenere traccia di ogni modifica apportata alla base di codice. In questo modo gli sviluppatori possono tornare alle versioni precedenti in caso di problemi. Possono anche esaminare le modifiche precedenti per capire in che modo e per quale motivo alcune parti dell’applicazione si sono evolute.

Le best practice di sviluppo del software dovrebbero includere anche una strategia di backup per il codice, i database e i file di configurazione. Programma backup regolari e automatizzati per ridurre al minimo gli errori umani e archivia i tuoi backup in diversi luoghi sicuri per proteggerti dalle minacce fisiche e informatiche.

La best practice numero 7: Promuovi una cultura di apprendimento e miglioramento continui

L’ultima, e probabilmente la più importante, best practice nella distribuzione dei software consiste nel costruire una cultura aziendale che valorizzi l’apprendimento e il miglioramento continui. Invita il tuo team a partecipare regolarmente a corsi di formazione, workshop e comunità professionali per rimanere aggiornato sui più recenti sviluppi del settore. In questo modo il tuo team avrà le conoscenze e le competenze necessarie per svolgere al meglio il proprio lavoro, incoraggiando al contempo l’innovazione all’interno del processo di distribuzione dei software.

Oltre a promuovere lo sviluppo professionale, è importante coltivare un ambiente in cui il feedback e l’apprendimento continuo siano valorizzati. Stimola il tuo team ad analizzare ogni implementazione IT in modo rigoroso, a condividere cosa ha funzionato e cosa no, e ad applicare questi insegnamenti ai progetti futuri. Tale approccio non solo migliora l’efficienza e l’efficacia delle implementazioni, ma mantiene anche il team impegnato e motivato, favorendo il successo aziendale complessivo.

Aumenta la sicurezza della distribuzione dei software con NinjaOne

Oltre a implementare queste best practice nella distribuzione dei software, scopri come NinjaOne semplifica la gestione del software attraverso l’automazione della distribuzione e del patching nel cloud o in sede. Distribuisci, applica patch, disinstalla e monitora le applicazioni su tutti i dispositivi, ovunque si trovino. Inizia oggi stesso a ottimizzare i tuoi processi software con una prova gratuita di NinjaOne.

Passi successivi

La creazione di un team IT efficiente ed efficace richiede una soluzione centralizzata che funga da principale strumento di erogazione dei servizi. NinjaOne consente ai team IT di monitorare, gestire, proteggere e supportare tutti i dispositivi, ovunque essi si trovino, senza la necessità di una complessa infrastruttura locale.

Scopri di più su NinjaOne Endpoint Management, fai un tour dal vivo o inizia la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.

Termini e condizioni NinjaOne

Cliccando sul pulsante “Accetto” qui sotto, dichiari di accettare i seguenti termini legali e le nostre condizioni d’uso:

  • Diritti di proprietà: NinjaOne possiede e continuerà a possedere tutti i diritti, i titoli e gli interessi relativi allo script (compreso il copyright). NinjaOne ti concede una licenza limitata per l’utilizzo dello script in conformità con i presenti termini legali.
  • Limitazione d’uso: Puoi utilizzare lo script solo per legittimi scopi personali o aziendali interni e non puoi condividere lo script con altri soggetti.
  • Divieto di ripubblicazione: In nessun caso ti è consentito ripubblicare lo script in una libreria di script appartenente o sotto il controllo di un altro fornitore di software.
  • Esclusione di garanzia: Lo script viene fornito “così com’è” e “come disponibile”, senza garanzie di alcun tipo. NinjaOne non promette né garantisce che lo script sia privo di difetti o che soddisfi le tue esigenze o aspettative specifiche.
  • Assunzione del rischio: L’uso che farai dello script è da intendersi a tuo rischio. Riconosci che l’utilizzo dello script comporta alcuni rischi intrinseci, che comprendi e sei pronto ad assumerti.
  • Rinuncia e liberatoria: Non riterrai NinjaOne responsabile di eventuali conseguenze negative o indesiderate derivanti dall’uso dello script e rinuncerai a qualsiasi diritto legale o di equità e a qualsiasi rivalsa nei confronti di NinjaOne in relazione all’uso dello script.
  • EULA: Se sei un cliente NinjaOne, l’uso dello script è soggetto al Contratto di licenza con l’utente finale (EULA) applicabile.