Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Inviando questo modulo, accetto La politica sulla privacy di NinjaOne.

Storia di successo

NinjaOne: un moltiplicatore di forza per Cloud4x MSP

con Leo Raikhman, Direttore & Co-Fondatore
Leo Raikhman

Endpoint supportati

1.600

Con NinjaOne dal

2021

Azienda

Cloud4x è un fornitore di servizi gestiti fondato nel 2015 e concentrato sulla fornitura dei migliori servizi IT al mercato australiano.

SEDE CENTRALE

Australia

Sito web

Cloud4x è un fornitore di servizi gestiti (MSP) fondato nel 2015 e concentrato sulla fornitura dei migliori servizi IT al mercato australiano. Leo Raikhman è cofondatore e direttore di Cloud4x (MSP).

Secondo Leo c’è molta standardizzazione tra i fornitori di servizi gestiti: “Usiamo tutti lo stesso set di strumenti generali, offriamo molti degli stessi servizi e ci concentriamo sugli stessi tipi di clienti” Per differenziarsi, Cloud4x MSP si è inizialmente concentrata sulla fornitura di servizi gestiti per gli MSP. “L’80-90% dei problemi è facilmente risolvibile da tecnici di primo o secondo livello. Abbiamo deciso di concentrarci sul 10-20% delle sfide che non riuscivano a risolvere, permettendo ai nostri clienti MSP di salire di livello e di gestire clienti più complessi e di risolvere problemi più complessi”

Questo modello ha permesso a Cloud4x MSP di assumere architetti e ingegneri di soluzioni di alto livello e di costruire un brain trust unico nel mercato. “Abbiamo visto il meglio e il peggio di ciò che facevano gli altri MSP, quindi, nel momento in cui siamo passati ad essere un MSP tradizionale, abbiamo messo in atto un solido piano. Tutta l’energia che abbiamo accumulato è stata impiegata per costruire nuove automazioni, identificare nuovi mercati e fornire soluzioni creative”, afferma Leo.

Passaggio a Ninja

Prima di passare a Ninja, Cloud4x MSP utilizzava Atera come RMM. “Atera è stato costruito per gli MSP più piccoli e per un po’ di tempo ha fatto al caso nostro. Una volta superati i 5 o 6 ingegneri e con l’aumento del numero di clienti e della loro complessità, ci siamo resi conto che dovevamo passare a una soluzione più potente, che riflettesse la nostra crescita”

“Ninja ha tutte le funzionalità e la maturità di cui abbiamo bisogno, mentre è anche cloud-native, facile da implementare e da imparare”, afferma Leo.

“Abbiamo l’esperienza necessaria per trasformare qualsiasi applicazione in una soluzione funzionante, ma per una volta non abbiamo dovuto farlo”, spiega Leo. “Pensavamo che ci sarebbero voluti da sei mesi a un anno per passare da Atera a Ninja. Invece, ci sono voluti giorni o settimane, e sostanzialmente nessuno si è più collegato ad Atera entro un mese dall’implementazione di Ninja”

L’automazione come moltiplicatore di forza-lavoro

“Ninja è un enorme moltiplicatore di forza per noi. È come assumere due dipendenti a tempo pieno”, spiega Leo.

Cloud4x automatizza la configurazione dei dispositivi degli utenti finali, dal processo di installazione di Windows, alla configurazione del dispositivo, fino all’installazione di applicazioni personalizzate per tutti i clienti. Inoltre, automatizza la validazione, verificando che il dispositivo sia stato configurato correttamente, tentando rimedi automatici se una fase di convalida non va a buon fine e aprendo un ticket se i rimedi automatici falliscono. “La configurazione dei dispositivi richiederebbe a un tecnico di secondo livello 2 – 3 ore per endpoint, con tutti i problemi associati a un processo manuale. Per un piccolo cliente, si parla di oltre 200 ore di lavoro. Con le automazioni che abbiamo integrato in Ninja, l’onboarding di un nuovo dispositivo richiede 10 minuti in termini di manodopera e può farlo anche un tecnico di primo livello. Si tratta di una riduzione del 95% delle ore di lavoro”, spiega Leo.

L’automazione non è solo un risparmio di tempo per Cloud4x, ma aiuta a fornire servizi più efficaci e più affidabili. Con la realtà post-COVID che prevede il supporto dei clienti in ufficio e a casa, i costosi firewall, SD-WAN e i sistemi in loco non sono più soluzioni di sicurezza efficaci per la maggior parte dei clienti Cloud4x. “Abbiamo iniziato a implementare molto di più OpenVPN come servizio”, spiega Leo. L’installazione della soluzione OpenVPN lato client è complessa e inevitabilmente fallisce su alcuni computer. “Ci sono sei punti di probabile fallimento con OpenVPN: l’installazione dell’applicazione, l’importazione del certificato, le autorizzazioni della chiave privata, il file di configurazione VPN, lo stato del servizio OpenVPN e la connessione al tunnel. Utilizzando Ninja, controlliamo ogni ora che la VPN funzioni come previsto. Se viene rilevato un guasto in uno dei sei punti di guasto, la nostra automazione tenterà di porvi rimedio. Se il problema è troppo complesso e non possiamo risolverlo automaticamente, apriamo un ticket per far intervenire un tecnico”, spiega Leo.

Cloud4x ha investito molto in queste automazioni, consentendo a Ninja di fornire processi complessi e soggetti a errori, mentre i tecnici si concentrano sulla creazione di valore per i clienti.

“Il motore di scripting e le capacità di automazione di Ninja sono migliori di altri che ho provato”, afferma Leo.

Ninja è adatto ad altri MSP

“Praticamente tutti gli MSP utilizzano lo stesso set di strumenti e praticamente tutti gli RMM hanno le stesse funzionalità”, afferma Leo. “Ninja funziona, e funziona in modo affidabile e funziona in un modo che ha senso per i fornitori di servizi gestiti. Finora, il team ritiene che sia l’invenzione del secolo”.

Altre storie dei clienti

MSP RMM software by NinjaRMM

Pronto a diventare un Ninja dell’IT?