Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Quanto costa il software di patch management?

Quanto costa il software di patch management

Il patch management è alla base di una solida strategia di cybersecurity, in grado di salvaguardare i sistemi critici e i dati sensibili da un panorama di minacce in continua evoluzione. Tuttavia, mentre i professionisti della cybersecurity sono impegnati nella pressante necessità di mantenere aggiornati software e sistemi, si trovano ad affrontare una sfida altrettanto critica: comprendere il costo reale del software di patch management. 

Quanto costa il software di management?  Analizzeremo l’importanza di rimanere vigili, il ruolo inestimabile dell’automazione e le ampie strutture di pricing che definiscono le soluzioni disponibili per le aziende di oggi. Unisciti a noi per approfondire le sfumature finanziarie del rafforzamento delle tue difese digitali in un’epoca in cui la posta in gioco non è mai stata così alta.

In questo articolo vengono trattati i seguenti argomenti:

  • Perché il patch management è importante?
  • Funzionalità e opzioni della soluzione di patch management
  • Modelli di prezzo per il patch management
  • Guida ai prezzi del patch management
  • Scelta di una soluzione di patch management

Perché il patch management è importante?

Il patch management è una difesa di prima linea contro un panorama di vulnerabilità e minacce in continua evoluzione. Questa pratica garantisce che le applicazioni software, i sistemi operativi e l’infrastruttura di rete siano sempre aggiornati e protetti dalle falle di sicurezza note. Applicando tempestivamente le patch e gli aggiornamenti, le organizzazioni possono colmare le potenziali lacune di sicurezza, sventare gli attacchi informatici e salvaguardare i dati sensibili. Oltre alla protezione immediata che offre, un patch management efficace aiuta a mantenere la continuità aziendale, a preservare la fiducia dei clienti ed a evitare i costi finanziari e di reputazione associati alle violazioni della sicurezza. In sostanza, il patch management è una strategia proattiva indispensabile che rafforza la resilienza di un’organizzazione contro l’incessante ondata di minacce digitali, contribuendo in ultima analisi alla sua sicurezza generale e alla sua stabilità operativa.

Perché utilizzare una soluzione o un software di terze parti per il patch management?

Gli strumenti di gestione automatizzata delle patch, spesso in forma di software-as-a-service (SaaS), offrono un enorme valore, semplificando il complesso processo di aggiornamento di software e sistemi, che richiede molto tempo. Possono identificare automaticamente le vulnerabilità, scaricare e applicare le patch e programmare gli aggiornamenti durante i periodi che non comportano interruzioni. L’automazione migliora la sicurezza riducendo il rischio di errore umano, garantisce l’uniformità e la tempestività del patching in un’infrastruttura di grandi dimensioni e consente alle risorse IT di dedicarsi a compiti più strategici. Inoltre, permette alle organizzazioni di rimanere agili e reattive nell’affrontare le minacce emergenti, rafforzando in ultima analisi la loro posizione di cybersecurity e riducendo al contempo i costi operativi.

Caratteristiche comuni degli strumenti di patch management

Tali strumenti offrono un’ampia gamma di funzionalità per semplificare il processo di patching e migliorare la cybersecurity dell’organizzazione. Le caratteristiche comuni degli strumenti di gestione delle patch includono:

Scansione automatica delle patch: Gli strumenti di patch management eseguono regolarmente una scansione della rete di un’organizzazione per identificare le patch mancanti o non aggiornate. La scansione automatica assicura che le vulnerabilità vengano individuate tempestivamente.

Distribuzione delle patch: Questi strumenti facilitano la distribuzione automatica delle patch ai sistemi di destinazione. Possono programmare l’installazione delle patch in orari appropriati per ridurre al minimo le interruzioni dell’attività.

Test delle patch: Alcuni strumenti offrono la possibilità di testare le patch su un sottoinsieme di sistemi prima di distribuirle a livello aziendale. Questo aiuta a identificare potenziali problemi di compatibilità o conflitti con il software esistente.

Rollback delle patch: Nel caso in cui una patch causi problemi o conflitti imprevisti, gli strumenti di gestione delle patch possono consentire il rollback della patch per riportare rapidamente i sistemi allo stato precedente.

Reportistica e dashboard: Le complete funzionalità di reportistica forniscono informazioni sullo stato delle patch di tutti i sistemi gestiti. Le dashboard offrono una panoramica in tempo reale della conformità delle patch e dei livelli di vulnerabilità.

Flusso di lavoro per l’approvazione delle patch: Le organizzazioni più grandi spesso richiedono un processo di approvazione in più fasi prima di distribuire le patch. Gli strumenti di patch management possono supportare flussi di lavoro di approvazione personalizzabili per garantire una supervisione adeguata.

Valutazione della vulnerabilità: Alcuni strumenti includono funzionalità di scansione delle vulnerabilità, consentendo alle organizzazioni di identificare in modo proattivo e dare priorità alle vulnerabilità in base alla gravità e all’impatto potenziale.

Personalizzazione delle patch: Le organizzazioni possono avere bisogno di personalizzare le patch per soddisfare requisiti specifici. Gli strumenti di gestione delle patch possono supportare opzioni di personalizzazione e configurazione per soddisfare esigenze specifiche.

Integrazione con l’inventario software: L’integrazione con i sistemi di gestione delle risorse e di inventario del software aiuta le organizzazioni a mantenere un inventario accurato del software installato e a monitorare i progressi del patching.

Gestione della conformità: Gli strumenti possono contribuire a mantenere la conformità alle normative del settore e agli standard di sicurezza, assicurando che i sistemi siano patchati per soddisfare i requisiti di conformità specifici.

Patching del software di terze parti: Oltre alle patch del sistema operativo e delle applicazioni principali, molti strumenti di patch management sono in grado di gestire anche gli aggiornamenti dei software di terze parti comunemente utilizzati nelle organizzazioni.

Patching remoto: Le funzionalità di distribuzione remota e centralizzata delle patch sono fondamentali per le organizzazioni con personale distribuito o remoto, consentendo agli amministratori di applicare le patch ai dispositivi indipendentemente dalla loro posizione.

Controllo dell’accesso basato sui ruoli: Per mantenere la sicurezza e il controllo, gli strumenti di patch management spesso supportano il controllo degli accessi basato sui ruoli, garantendo che solo il personale autorizzato possa avviare i processi di patching.

Avvisi e notifiche: Gli avvisi e le notifiche automatiche informano gli amministratori di vulnerabilità critiche, di distribuzioni di patch non riuscite o di problemi di conformità, consentendo di intervenire tempestivamente.

Gestione dell’archivio delle patch: Gli strumenti possono mantenere un archivio delle patch, rendendo più facile la gestione e l’organizzazione delle patch di vari fornitori.

Pianificazione del rollout delle patch: Gli amministratori possono programmare la distribuzione delle patch durante le finestre di manutenzione o nelle ore non di punta per ridurre al minimo le interruzioni della produttività.

Cronologia e audit delle patch: I log completi e le funzionalità di auditing consentono alle organizzazioni di monitorare ed esaminare le attività di patching a fini di conformità e risoluzione dei problemi.

Supporto multipiattaforma: Molti strumenti di patch management supportano una varietà di sistemi operativi e piattaforme, tra cui Windows, macOS, Linux e dispositivi mobili.

Priorità delle patch: Gli strumenti possono offrire una priorità in base alla gravità delle vulnerabilità, assicurando che le patch critiche vengano applicate per prime.

Modelli di prezzo per il patch management

Gli strumenti di gestione delle patch utilizzano vari modelli di prezzo per soddisfare le diverse esigenze delle organizzazioni. Ecco alcuni modelli di prezzo comuni utilizzati nel settore dei software di patch management:

  • Licenza per utente: Alcuni strumenti di patch management prevedono una tariffa in base al numero di utenti o di endpoint di un’organizzazione. Questo modello è semplice e varia in base alle dimensioni dell’organizzazione, rendendolo adatto a imprese di tutte le dimensioni. Tuttavia, può diventare costoso con l’aumentare del numero di utenti o di dispositivi.
  • Licenza per dispositivo: In questo modello, le organizzazioni pagano per ogni dispositivo o endpoint che richiede la gestione delle patch. Si tratta di un modello di prezzo trasparente che allinea i costi all’infrastruttura effettivamente gestita. Tuttavia, potrebbe non essere conveniente per le aziende con un numero elevato di dispositivi.
  • Prezzi differenziati: Molti fornitori di software di patch management propongono prezzi differenziati, in cui il costo dipende dal numero di funzionalità o caratteristiche incluse nel software. Le organizzazioni possono scegliere il livello più adatto alle loro esigenze specifiche e al loro budget. Tale modello consente una certa flessibilità, ma può comportare costi più elevati per le funzionalità avanzate.
  • In abbonamento: La tariffazione in abbonamento prevede il pagamento di un canone ricorrente, in genere per il patch management come servizio. Spesso include aggiornamenti e assistenza durante il periodo di sottoscrizione. Questo modello offre la prevedibilità del budget e l’accesso alle funzionalità più recenti, ma può comportare spese a lungo termine.
  • Pagamenti in base all’uso: Alcune soluzioni di gestione delle patch si fanno pagare in base al numero di patch distribuite o al volume di dati elaborati. Tale modello di prezzo basato sull’uso può essere conveniente per le organizzazioni con esigenze fluttuanti, in quanto pagano solo per ciò che consumano. Tuttavia, può essere difficile prevedere con precisione i costi.
  • Libero e open-source: Sono disponibili strumenti di patch management gratuiti e open-source, che possono essere convenienti per le piccole imprese e le organizzazioni attente al budget. Questi strumenti offrono funzionalità di patching di base, ma possono mancare di funzioni avanzate e di supporto.
  • Prezzi personalizzati: Le aziende più grandi o le organizzazioni con esigenze specifiche possono negoziare prezzi personalizzati con i fornitori di soluzioni di patch management. Questo approccio consente di adattare i prezzi alle esigenze specifiche, il che può essere vantaggioso per gli ambienti complessi, ma può richiedere lunghe trattative.
  • Freemium: Alcuni strumenti di patch management offrono una versione gratuita con funzionalità limitate (freemium) e richiedono costi supplementari per le caratteristiche premium o per il supporto aggiuntivo. Tale modello consente alle organizzazioni di iniziare con le funzionalità di base e di aggiornarle in base alle esigenze.

Quando si sceglie uno strumento di patch management è fondamentale che le organizzazioni considerino i loro requisiti specifici, i vincoli di budget e le esigenze di scalabilità per scegliere il modello di prezzo più adatto ai loro obiettivi e alle loro risorse. Inoltre, nel valutare il costo totale di proprietà delle soluzioni di patch management, le aziende devono tenere conto del costo della manutenzione continua, dell’assistenza e della possibile formazione.

Guida ai prezzi della soluzione di patch management

I prezzi del patch management possono variare in modo significativo a seconda di diversi fattori, che le aziende devono considerare attentamente quando valutano il costo degli strumenti di gestione delle patch:

  • Dimensione dell’organizzazione: Le dimensioni dell’organizzazione, compreso il numero di endpoint o dispositivi che necessitano di patching, possono avere un impatto significativo sui prezzi. Molti strumenti di patch management propongono modelli di prezzo graduati in base al numero di utenti o dispositivi. Le organizzazioni più piccole possono trovare soluzioni economicamente vantaggiose, mentre le aziende più grandi potrebbero dover investire maggiormente nelle licenze.
  • Caratteristiche dello strumento: Le caratteristiche e le capacità offerte da uno strumento di patch management possono influenzare il prezzo. Funzionalità avanzate come automazione del patching, la valutazione delle vulnerabilità, il patching personalizzato e la gestione della conformità spesso comportano costi più elevati. Le organizzazioni più piccole con esigenze di patching di base possono optare per soluzioni più semplici e convenienti.
  • Scalabilità: Valuta se lo strumento di patch management è in grado di adattarsi alla crescita dell’organizzazione. Alcuni strumenti possono offrire prezzi flessibili e opzioni di licenza che consentono di aggiungere o rimuovere endpoint secondo le necessità. La scalabilità è particolarmente importante per le organizzazioni in rapida espansione.
  • Costi nascosti: Oltre ai costi iniziali delle licenze, le organizzazioni devono tenere conto degli elementi nascosti che possono aumentare i costi del software di patch management. L’elenco può includere:
    • Assistenza e manutenzione: Molti strumenti di gestione delle patch richiedono contratti di assistenza e manutenzione continua, che possono aumentare il costo totale di proprietà.
    • Formazione: La formazione del personale all’uso e alla gestione efficace dello strumento può comportare costi aggiuntivi.
    • Integrazione: Se lo strumento deve integrarsi con altri sistemi, come le soluzioni di gestione delle risorse o di gestione delle informazioni e degli eventi di sicurezza (SIEM), possono essere applicati costi di integrazione.
    • Hardware e infrastruttura: Considera se lo strumento richiede aggiornamenti specifici dell’hardware o dell’infrastruttura, in quanto ciò può aumentare i costi.
  • Costo totale di proprietà (TCO): Valuta il TCO a lungo termine, tenendo conto non solo dei costi iniziali di licenza, ma anche delle spese correnti come l’assistenza, la formazione e il costo potenziale delle violazioni della sicurezza che potrebbero derivare da patching inadeguato.
  • ROI: Esamina il ritorno sull’investimento (ROI) dello strumento di patch management. Considera i risparmi ottenuti grazie al miglioramento della sicurezza, alla riduzione dei tempi di inattività e alla maggiore efficienza operativa.

In definitiva, la soluzione di patch management e il modello di prezzo migliori per un’organizzazione dipendono dalle sue esigenze specifiche, dai vincoli di budget e dai piani di crescita. Un’accurata analisi costi-benefici e la considerazione dei costi immediati e di quelli a lungo termine aiutano le organizzazioni a prendere una decisione consapevole nella scelta di uno strumento di patch management. Inoltre, è importante considerare la capacità dello strumento di soddisfare efficacemente i requisiti di sicurezza e di conformità dell’organizzazione.

Come scegliere uno strumento di patch management

Per prendere una decisione informata sul patch management, considera tutti i punti presentati sopra sulle funzionalità e sui prezzi, tenendo conto del tuo caso d’uso specifico.

Nella scelta di uno strumento di patch management occorre innanzitutto effettuare una valutazione approfondita delle esigenze e delle circostanze specifiche della tua organizzazione. Inizia valutando le dimensioni della tua organizzazione e il numero di endpoint o dispositivi che necessitano di patching, in quanto ciò può avere un impatto significativo sul prezzo e sulla scalabilità. Quindi, esamina attentamente le caratteristiche e le funzionalità necessarie, bilanciando le funzionalità avanzate come l’automazione, la valutazione delle vulnerabilità e la gestione della conformità con i tuoi vincoli di budget. 

Assicurati di tenere conto dei costi nascosti, come l’assistenza continua, la formazione e i potenziali requisiti di integrazione. Inoltre, valuta il costo totale di proprietà (TCO) a lungo termine e il ritorno sull’investimento (ROI) in termini di maggiore sicurezza ed efficienza operativa. 

Infine, è opportuno considerare fattori quali la capacità dello strumento di allinearsi agli obiettivi di sicurezza e conformità dell’organizzazione. Effettuando una valutazione completa che tenga conto di questi fattori, è possibile scegliere una soluzione di patch management che non solo soddisfi le esigenze attuali, ma che sia anche in grado di scalare ed evolvere con la crescita e i requisiti di sicurezza della tua organizzazione.

Patch management con NinjaOne

NinjaOne semplifica e ottimizza il patch management automatizzando il processo di identificazione, distribuzione e gestione degli aggiornamenti software sugli endpoint di un’organizzazione. Offre una scansione automatizzata delle patch per rilevare quelle mancanti o obsolete, facilita la distribuzione delle patch senza problemi con opzioni di pianificazione e fornisce reportistica e dashboard per una visione in tempo reale della conformità delle patch. 

NinjaOne supporta anche la distribuzione di patch personalizzate, il controllo degli accessi basato sui ruoli e il patching remoto per gli ambienti distribuiti. Grazie alle sue funzioni complete, NinjaOne aiuta le organizzazioni a mantenere un’infrastruttura IT sicura e aggiornata, riducendo la vulnerabilità alle minacce informatiche e garantendo la conformità agli aggiornamenti software su un’ampia gamma di piattaforme.

Se sei pronto a provare NinjaOne in prima persona, programma una demo o inizia la tua prova gratuita di 14 giorni per scoprire perché così tante organizzazioni e MSP scelgono NinjaOne come partner RMM!

Sei alla ricerca di altri consigli e guide complete? Controlla spesso i nostri blog e iscriviti a MSP Bento per ricevere informazioni, interviste e ispirazioni direttamente nella tua casella di posta!

Prossimi passi

Rafforza la tua infrastruttura IT con NinjaOne Patch Management, per garantire una difesa potenziata contro le vulnerabilità e fare in modo che i tuoi sistemi funzionino al meglio.

Per saperne di più su NinjaOne Patch Management, fai un tour dal vivo o inizia ora la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.

By clicking the “I Accept” button below, you indicate your acceptance of the following legal terms as well as our Terms of Use:

  • Ownership Rights: NinjaOne owns and will continue to own all right, title, and interest in and to the script (including the copyright). NinjaOne is giving you a limited license to use the script in accordance with these legal terms.
  • Use Limitation: You may only use the script for your legitimate personal or internal business purposes, and you may not share the script with another party.
  • Republication Prohibition: Under no circumstances are you permitted to re-publish the script in any script library belonging to or under the control of any other software provider.
  • Warranty Disclaimer: The script is provided “as is” and “as available”, without warranty of any kind. NinjaOne makes no promise or guarantee that the script will be free from defects or that it will meet your specific needs or expectations.
  • Assumption of Risk: Your use of the script is at your own risk. You acknowledge that there are certain inherent risks in using the script, and you understand and assume each of those risks.
  • Waiver and Release: You will not hold NinjaOne responsible for any adverse or unintended consequences resulting from your use of the script, and you waive any legal or equitable rights or remedies you may have against NinjaOne relating to your use of the script.
  • EULA: If you are a NinjaOne customer, your use of the script is subject to the End User License Agreement applicable to you (EULA).