Marketing fai da te per gli MSP: tutto quello che devi sapere sugli annunci di retargeting

CINQUE CONSIGLI E TUTORIAL IN INGLESE, PER LA VOSTRA AZIENDA.

Newsletter di NinjaOne

Unisciti ad altri MSP focalizzati sulla crescita e alimenta la tua attività con cinque nuovi pratici modi per migliorare le tue strategie ogni settimana.

Non perderti nessuna promozione, nessun tool gratuito, evento & webinar e aggiornamento sui nostri prodotti. Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale d NinjaOne.

Grow faster. Stress less.

Visit our Resources Center for more MSP content.
Team Ninja      

Il vero trucco del marketing MSP non è far visitare il tuo sito web ai potenziali clienti, ma farli ritornare. È qui che entrano in gioco gli annunci di retargeting

Che importanza hanno i numeri per la generazione di lead? Secondo la piattaforma pubblicitaria Outbrain, solo il 2% dei visitatori di un sito web converte la prima volta che arriva sul tuo sito. La stragrande maggioranza delle persone semplicemente non è pronta ad impegnarsi senza sondare il terreno e vedere cos'altro c'è là fuori.

Se vuoi convertire un maggior numero di lead interessanti in consumatori, devi trovare modi convincenti per farli tornare sul tuo sito. Non una volta, non due volte, ma bensì sei volte. Secondo gli esperti di analisi globali di Nielsen, la maggior parte dei consumatori deve visitare il tuo sito web un totale di sei volte prima di convertire.

Scoraggiato? Non esserlo (ancora). La buona notizia è che c'è un trucco che puoi rubare ai grandi marchi di consumo per aumenterà significativamente le tue possibilità di successo. Si chiama retargeting ed è qualcosa che hai senza dubbio sperimentato personalmente, anche se non ne eri esattamente consapevole.

Cos'è il retargeting?

Hai mai notato come inizi a vedere annunci per un certo prodotto o servizio ovunque dopo essere stato sul sito web della società? Ovviamente non è un caso. Gli esperti di marketing si riferiscono a questo come retargeting. In breve, è una strategia di rilancio che consiste nel raccogliere informazioni sui visitatori del tuo sito web in modo da poter continuare a mostrare loro annunci pertinenti anche dopo che hanno lasciato il tuo sito web.

how retargeting ads work

Source: Newsfeed.org

 

Il retargeting è diventato la regola del giorno per una vasta gamma di aziende (B2B oltre che B2C) per una buona ragione. Un visitatore di un sito web che è stato oggetto di retargeting ha il 70% di probabilità in più di convertire. Mentre il tasso medio della percentuale di clic (CTR in inglese) per un annuncio display è dello 0,07%, il CTR medio per un annuncio retargettizzato è 10 volte più alto, pari allo 0,7%.

Il retargeting può persino aumentare le ricerche di un marchio di oltre il 1.000%. Inoltre, i tassi di conversione salgono effettivamente in base al numero di volte che i consumatori vedono un annuncio di retargeting. Il tasso di clic in sé può diminuire, ma le persone che cliccano hanno il doppio delle probabilità di convertire!

Quindi, come funziona il retargeting?

Il retargeting basato sui pixel, che è il tipo di cui parleremo in questo testo, funziona mettendo un pezzo di codice JavaScript (comunemente chiamato "cookie") nel browser web di un utente per tenere traccia delle pagine e dei prodotti che guarda online. Il cookie comunica con le piattaforme pubblicitarie (motori di ricerca, piattaforme di social media, ecc.) scelte dal pubblicitario (che sei tu!) e dice loro quali annunci mostrare a una specifica persona in base a ciò che ha navigato.

Gli annunci basati su pixel possono funzionare per un massimo di 30 giorni dall'ultima volta che un consumatore ha visitato il tuo sito web. La piattaforma di retargeting che sceglierai determinerà dove verranno visualizzati i tuoi annunci. I luoghi comuni includono le pagine dei risultati dei motori di ricerca, le piattaforme dei social media e anche altri siti web.
Rispetto al retargeting basato su liste, che mostra gli annunci alle persone con un indirizzo email che hai specificato di voler targettizzare, ci piace il pixel retargeting perché è più adatto a raggiungere i consumatori che hanno mostrato comportamenti specifici.

Prendiamo per esempio il seguente annuncio, che mostra il retargeting di Expedia su qualcuno che ha recentemente condotto ricerche o prenotato un volo per Whistler, British Columbia, Canada.

retargeting ad example

 

Anhce se il retargeting è una delle strategie di marketing MSP più tecniche (e ne abbiamo coperte alcune) e ti costerà un po' di tempo e/o lavoro in anticipo (se stai investendo in pubblicità digitale da solo), vale la pena fare uno sforzo in più.

Perché? Beh, in primo luogo, a causa della convenienza. Con il retargeting, le conversioni possono costare anche solo un quinto di quello che costerebbe una tipica strategia di acquisizione.

In secondo luogo, perché abbiamo una prova schiacciante che funziona semplicemente. Il retargeting è particolarmente utile per le aziende con cicli di vendita più lunghi, che la maggior parte degli MSP tende ad avere, perché gli permette di non perdere di vista i consumatori che si muovono attraverso il funnel del marketing. Dal momento in cui si rendono conto per la prima volta che hanno bisogno di una soluzione, arrivando a valutare le opzioni ed a fare un acquisto, ci sarai tu e il tuo annuncio.

Naturalmente, questo è solo se decidi che il retargeting è una buona soluzione per il tuo MSP. Ecco come lo si può fare.

Il retargeting è giusto per il mio MSP?

I lead stanno diventando sempre più difficili da convertire man mano che più MSP arrivano online e la concorrenza cresce. Se hai già implementato l'ottimizzazione dei motori di ricerca, la ricerca a pagamento e gli annunci sui social network e non stai ottenendo abbastanza, o se hai un budget di marketing limitato che vuoi implementare nel modo più efficiente possibile, pensiamo che il retargeting sia da prendere in considerazione.

Cosa intendiamo con questo? Vogliamo dire che il retargeting probabilmente non sarà il singolo elemento in grado di determinare tutte le conversioni di cui hai bisogno. Dovrebbe essere implementato come parte di un piano di marketing più ampio.

Secondo l'agenzia di marketing digitale Lemonade Stand, gli MSP più performanti con cui lavorano di solito condividono diverse caratteristiche chiave:

  • Dedicano circa 1.000 dollari al mese al marketing
  • Di solito eseguono più campagne di marketing simultaneamente - Google Ads, SEO, anche marketing offline - e fanno sempre retargeting
  • Danno sempre seguito a un buon lead
  • Sono coerenti e rimangono fedeli per almeno un anno
  • Vedono il quadro generale e capiscono che una sola conversione può significare un ritorno positivo sulla spesa pubblicitaria nel settore MSP

Ora capisci cosa intendiamo. Solo perché puoi spendere i tuoi soldi nel retargeting, non significa che dovresti farlo a meno che non sei pronto a investire anche tempo e lavoro.

 

Se sei pronto a vedere esattamente che tipo di tempo e d'impegno ci vuole per creare una campagna di retargeting MPS, sei nel posto giusto. Ma prima di addentrarci, approfondiamo un po' di più l'investimento monetario.

Budget per gli annunci di retargeting: quanto bisogna spendere?

Molto in generale, ci si può aspettare di spendere in media da 2 a 3 dollari per clic  su un annuncio di ricerca, anche se alcuni vanno oltre i 50 dollari nei settori competitivi. Gli annunci di Remarketing costano in media da 0,25 a 0,60 dollari per clic.

Se preferisci lavorare a ritroso e impostare il tuo budget in base ai risultati, ecco un calcolatore di retargeting che ti permette di inserire il numero di visitatori unici mensili (la tua analisi del sito web te lo dirà) che ottieni sulle pagine che vuoi usare nei tuoi sforzi di retargeting. Sulla base di questo numero, il calcolatore raccomanderà un budget mensile e una stima di quante visualizzazioni ci si può aspettare.

Se ti aiuta sapere di più su ciò che altre persone stanno spendendo, dai un'occhiata a questa pagina: la maggior parte dei marketer spendono meno del 10% del loro budget pubblicitario sul retargeting. La buona notizia è che questo significa che non hai ancora molta concorrenza quando si tratta di retargeting!

Per preservare il tuo budget, assicurati di scegliere il miglior metodo di spesa tra CPC (costo per clic), CPM ("costo per mille" o costo per 1000 impressioni), e CPA (costo per acquisizione). Vorrai anche impiegare il livellamento della frequenza per prevenire l'affaticamento dell'annuncio e la durata dell'iscrizione per rimuovere i lead che non hanno convertito durante il tuo tipico ciclo di vendita. Per avere ancora più informazioni su tutti quegli acronimi e termini del settore che ti abbiamo appena gettato addosso, dai un'occhiata a questa guida sui costi del retargeting di Wishpond.

 

Sei pronto a spendere un po' di soldi per farne altri ? Continua a leggere per sapere come impostare la tua prima campagna di retargeting, espanderla su varie piattaforme e impiegare tattiche granulari che possono aiutare ad aumentare i risultati.

Principiante: imposta la tua prima campagna di retargeting

Se hai appena iniziato con il retargeting, la raccomandazione più importante che possiamo fare è di iniziare con Google Ads.

La Rete Display di Google, il loro gruppo di oltre due milioni di siti web e applicazioni dove gli annunci di retargeting possono apparire, raggiunge il 90% degli utenti di Internet a livello globale - il 65% di loro ogni giorno. Su Google, più di un trilione di impressioni pubblicitarie sono servite a più di 1 miliardo di utenti ogni singolo mese.

A parte la sua portata, Google Ads è estremamente facile da usare, abbastanza popolare da garantire che sarete sempre in grado di trovare risorse di supporto quando ne avete bisogno e permette agli utenti di visualizzare annunci di retargeting in tutta la rete - mentre alcuni strumenti possono solo visualizzare annunci sulla loro piattaforma specifica.

Per quanto ci possa piacere passare qualche ora a reinventare la ruota, ti invitiamo invece a dare un'occhiata a questa guida completa per far decollare la tua prima campagna di retargeting con Google Ads dagli esperti di pubblicità di AdEspresso.

In esso, imparerai (e vedrai!):

  • Come impostare il tag Google Ads (quel "cookie" o pezzo di codice che raccoglie informazioni sui visitatori del tuo sito web)
  • Come impostare una campagna di retargeting per i visitatori del sito web, gli utenti di applicazioni mobili, i visitatori che hanno visto prodotti specifici sul tuo sito web, e altro ancora
  • Come creare e lanciare i tuoi annunci

Ma una volta che hai finito, non dimenticare di tornare qui in modo da poter accelerare il ritmo della tua campagna di retargeting attraverso altri canali di social media.

Intermediario: allargare il retargeting ai social media

 

Entro il 2021, si prevede che quasi 3,1 miliardi di persone nel mondo utilizzeranno i social media. Quale modo migliore per far crescere le conversioni se non quello di espandere i tuoi sforzi di retargeting ai tuoi canali di social media?

Il social retargeting ti permette di ricordare ai consumatori i contenuti, i prodotti e i servizi a cui hanno mostrato interesse anche dopo che hanno lasciato il tuo sito web e hanno iniziato a scorrere la loro piattaforma di social media preferita.

Ognuna delle migliori piattaforme di social media per gli annunci MSP  (leggi tutto su quelle nella nostra guida definitiva alla pubblicità sociale per MSP) offre un metodo unico per il retargeting dei consumatori.

Tipi di retargeting su Facebook e Instagram

Su Facebook, che possiede Instagram e quindi i due condividono la stessa configurazione di retargeting, gli inserzionisti possono scegliere di puntare a un pubblico personalizzato o servire annunci dinamici.

Gli annunci dinamici sono i più simili al classico retargeting che abbiamo imparato a conoscere. Usano la stessa tecnologia di tracciamento per promuovere automaticamente i tuoi prodotti/servizi agli utenti che hanno già visitato il tuo sito web, la tua app o altri canali digitali. Tutto quello che devi fare è caricare un catalogo delle tue offerte in modo che Facebook/Instagram possa utilizzare le informazioni per creare dinamicamente annunci che siano rilevanti per il consumatore attuale.

Per una guida estremamente approfondita sugli annunci dinamici con tonnellate di immagini utili, ti consigliamo di leggere "come fare retargeting su Facebook e Instagram con annunci dinamici di prodotti da Social Media Examiner.

E poi ci sono i destinatari personalizzati. Permettono a un inserzionista di mettere insieme elenchi unici di chi vuole fare retargeting in base ai contatti, ai visitatori del sito web e agli utenti delle app.

  • Un pubblico basato su una lista di contatti incorpora i dati di un CRM o una lista di contatti raccolti manualmente per identificare i clienti esistenti o i lead incuriositi su Facebook o Instagram.
  • Un pubblico di visitatori del sito web utilizza il pixel di Facebook (simile al "cookie" JavaScript che abbiamo descritto prima) per mostrare alle persone annunci basati su ciò che hanno visto sul tuo sito web.
  • Allo stesso modo, il pubblico degli utenti dell'app utilizza anche il pixel di Facebook per indirizzare le persone che sono state attive sulla tua app.

Retargeting con LinkedIn

LinkedIn mantiene la semplicità offrendo solo il retargeting del sito web. Con il LinkedIn Insight Tag (un altro tag JavaScript), gli inserzionisti possono segmentare i visitatori del sito web in diversi tipi di pubblico e servire annunci accuratamente personalizzati in base alle pagine che hanno esplorato.

Per maggiori dettagli, vai direttamente alla fonte e dai un'occhiata alla guida di LinkedIn.

Retargeting di YouTube

YouTube offre il "video remarketing" che è quasi esattamente come il normale remarketing, tranne che si rivolge alle persone che hanno interagito con il tuo canale YouTube o hanno visto uno dei tuoi video su YouTube o uno dei loro siti partner video.

YouTube ti dà anche gli strumenti per segmentare il tuo pubblico di riferimento in persone che hanno commentato un video, si sono iscritti al tuo canale, hanno guardato un video particolare, hanno condiviso un video e tonnellate di altre opzioni in modo da poter costruire liste altamente personalizzate e fornire annunci fortemente personalizzati.

Se hai bisogno di un piccolo aiuto per comprendere l'idea del video remarketing ascolta la voce dell'esperto di pubblicità su YouTube Brett Curry parlare dell'argomento per 47 minuti informativi.

Se hai letto tutto, hai sentito tutto e sei ancora pronto per altro quando si tratta di retargeting, hai raggiunto l'ultimo step del retargeting MSP: il perfezionamento

Avanzato: tattiche per il perfezionamento della tua campagna di retargeting

 

Ora che hai il retargeting attivo e funzionante sulle pagine del tuo sito web e sulle piattaforme di social media, non c'è molto altro da fare che sperimentare alcune tattiche divertenti che ti aiuteranno a perfezionare la tua campagna e ad aumentare i risultati.

La tattica numero uno è spesso più facile a dire che a fare: basta impegnarsi di più quando si tratta del contenuto degli annunci di retargeting.

Vediamo troppo spesso situazioni in cui un inserzionista è talmente stanco quando finalmente crea un annuncio, che si limita ad usare una vecchia foto e un testo patetico come "Torna!"
Hai i dati, quindi usali. Sii specifico con il tuo contenuto. Includi immagini accattivanti e offerte di valore che sono pertinenti a ciò che un consumatore stava sfogliando sul tuo sito web.

Questo annuncio di retargeting di J. Crew Factory , per esempio, induce FOMO e introduce un grande affare per invogliare un acquirente recente a tornare al loro sito web il più rapidamente possibile.

JCrew retargeting ad example

Il che ci porta a un'altra tattica: diventare più creativi con i tuoi tag.

I prodotti, i servizi e i contenuti del tuo sito web probabilmente attraggono diversi tipi di acquirenti. Implementando diversi tag su diverse pagine, sarà molto più facile e pulito segmentare il pubblico e servire annunci che sono iper-rilevanti per i loro interessi e comportamenti.

Annunci creativi. Tag creativi. Che ne dici di diventare creativi con i nostri obiettivi?

Il più delle volte, il retargeting è usato per raggiungere le persone che hanno visitato un sito web o una landing page per la prima volta. Ma una strategia avanzata include il servizio di annunci che vendono nuovi servizi ai clienti esistenti attraverso il retargeting delle persone che visitano pagine specifiche del cliente, come portali di pagamento, pagine di login, ecc.
Se ti stai stancando al solo pensiero di impostare tutte queste tattiche, immagina quanto sia stanco il tuo pubblico di vedere gli stessi annunci in continuazione.

Ma questo non deve essere il caso quando si mette un “limite di frequenza” sulla vostra campagna di retargeting per limitare il numero di volte che la stessa persona vede lo stesso annuncio. Poi c'è il burn code (o un burn pixel) che identifica i consumatori che hanno già convertito in modo da non continuare a sprecare i tuoi soldi o la loro energia in annunci ripetitivi.

Ultimo ma non meno importante c'è il test A/B, che è il processo di confrontare due diverse versioni della stessa cosa per determinare quale funziona meglio.


Quando si tratta di annunci di retargeting si può testare qualsiasi cosa, dal contenuto dell'annuncio alla piattaforma alla segmentazione del pubblico. Con il test A/B, è importante che tu faccia e che misuri solo un piccolo cambiamento alla volta per testare accuratamente e ottimizzare la tua campagna di retargeting.

Sei pronto a dare una spinta al tuo marketing MSP con l'aiuto del retargeting?

Oppure, hai scosso la testa durante la lettura di questa guida, sapendo che sei troppo occupato a lavorare nella tua azienda invece che su di essa per perseguire una di queste tattiche?
Beh, questo semplicemente non va bene. Ti meriti di meglio. Lascia aiutare a semplificare le tue operazioni con NinjaOne, l'RMM numero 1 su G2 Crowd.

Provaci gratis oggi stesso!

CINQUE CONSIGLI E TUTORIAL IN INGLESE, PER LA VOSTRA AZIENDA.

Newsletter di NinjaOne

Unisciti ad altri MSP focalizzati sulla crescita e alimenta la tua attività con cinque nuovi pratici modi per migliorare le tue strategie ogni settimana.

Non perderti nessuna promozione, nessun tool gratuito, evento & webinar e aggiornamento sui nostri prodotti. Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale d NinjaOne.