Dispositivi endpoint (con esempi)

endpoint devices blog banner

Entro il 2030, gli esperti prevedono che ci saranno oltre 40 milioni di dispositivi connessi in tutto il mondo. Questi “dispositivi” sono una varietà di endpoint, come laptop, smartphone, computer e altro ancora. Le aziende e le organizzazioni di tutto il mondo si affidano a questi endpoint per completare delle attività, comunicare e accedere a delle informazioni. In questa panoramica, esamineremo i diversi tipi di dispositivi endpoint e il loro impatto sull’ambiente IT.

Cosa sono i dispositivi endpoint

I dispositivi endpoint sono dispositivi fisici ed elettronici che si collegano e comunicano con una rete di computer. La comunicazione tra un endpoint e la sua rete è spesso paragonata a due persone che parlano al telefono. Così come le informazioni passano tra le due persone al telefono, le informazioni passano tra un endpoint e la sua rete quando i due sono connessi.

Diversi tipi di dispositivi endpoint

Esistono molti tipi di dispositivi endpoint e, sebbene alcuni diano automaticamente per scontato che tutti i dispositivi siano endpoint, ciò non è vero. Secondo Cloudflare, “i dispositivi dell’infrastruttura su cui gira la rete sono considerati apparecchiature della sede del cliente (CPE) piuttosto che endpoint.” Di seguito, gli endpoint sono raggruppati nella prima sezione e i dispositivi che non sono endpoint nella seconda.

Dispositivi endpoint

  • Computer desktop
  • Laptop
  • Tablet
  • Smartphone
  • Server
  • Stampanti
  • Workstation
  • Dispositivi IoT (Internet of Things)

Altri dispositivi

  • Gateway di rete
  • Switch
  • Router
  • Firewall
  • Load balancer

6 tipi di rischi per la sicurezza degli endpoint

Nonostante le pratiche e gli strumenti di sicurezza degli endpoint siano migliorati notevolmente negli ultimi anni, il numero di attacchi agli endpoint continua ad aumentare. Cybriant presenta un gran numero statistiche a riprova di ciò; ad esempio, spiega che “il 68% delle organizzazioni è stato vittima di attacchi agli endpoint nel 2019, ed il 42% di tutti gli endpoint non è protetto in qualsiasi momento.” Per proteggere la tua azienda, è meglio prepararsi ad affrontare rischi specifici per la sicurezza degli endpoint, come ad esempio:

1) Ransomware

Il ransomware è un tipo di attacco agli endpoint che impedisce ad un’organizzazione di accedere ai propri file, dati e altre informazioni o sistemi importanti fino al pagamento di un riscatto. Secondo TechTarget, gli attacchi ransomware sono aumentati del 105% solo nel 2021.

2) Social engineering

L’ingegneria sociale è un tipo di attacco alla sicurezza che utilizza l’inganno e la manipolazione per indurre le persone a rivelare informazioni riservate, come password o codici di accesso. Dato che i criminali informatici utilizzano il social engineering nel 90% degli attacchi alla sicurezza, uno dei modi migliori per proteggere i tuoi endpoint è formare i tuoi dipendenti su come individuare ed evitare le tattiche di social engineering.

3) Perdita del dispositivo

Gli endpoint mobili, come gli smartphone e i computer portatili, sono facili da perdere. Infatti, ogni anno vengono persi 70 milioni di smartphone e soltanto il 7% viene recuperato. Con numeri del genere, non c’è da stupirsi che la perdita di dispositivi sia uno dei rischi per la sicurezza degli endpoint.

4) Violazioni dei dati

Ci sono molte storie dell’orrore IT che dimostrano quanto possano essere costose le violazioni dei dati. Oltre alle violazioni dei dati, gli endpoint non protetti possono subire anche la perdita di dati, che si verifica quando i dati vengono accidentalmente eliminati e non possono essere recuperati.

5) Crittografia insufficiente

La crittografia dei dati è un secondo livello di sicurezza per i dati. Anche se i criminali informatici mettono le mani su dati riservati, non saranno in grado di decifrarli se sono criptati. Tuttavia, se i dati non sono crittografati, non potranno contare su questo secondo livello di sicurezza in caso di attacco.

6) Sistemi non patchati 

I sistemi non patchati rendono gli endpoint vulnerabili agli attacchi e le vulnerabilità di sistema sono attualmente una delle principali cause di violazione dei dati. Tuttavia, con il giusto software di gestione delle patch, le aziende possono automatizzare i processi per garantire che tutti gli endpoint siano patchati, aggiornati e sicuri.

Le migliori pratiche per la gestione dei dispositivi endpoint

  • Proteggi tutti gli endpoint

Gli endpoint sono le porte dei dati dell’organizzazione. Assicurati che i tuoi endpoint siano sempre protetti per evitare violazioni dei dati e altri attacchi di cybersecurity. Per scoprire il numero di endpoint presenti in rete, è necessario effettuare un’ispezione per creare un inventario delle risorse IT aggiornato.

  • Segui i principi zero-trust

Lo zero-trust è un principio che i professionisti IT utilizzano quando configurano i dispositivi endpoint. In sostanza, il concetto principale delle politiche zero-trust è quello di non fidarsi di nulla e di proteggere tutto. Ciò vuol dire che non è consentita l’esecuzione di applicazioni ad eccezione di quelle approvate dalla sicurezza. Implementa i principi zero-trust durante la configurazione dei dispositivi endpoint per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza.

  • Imposta il patching automatico

Il patching può richiedere molto tempo ed essere monotono, ma svolge un ruolo importante nella protezione degli endpoint. Un modo semplice per semplificare il patching è quello di impostare processi di patching automatizzati seguendo le migliori procedure di gestione delle patch.

  • Monitora e analizza i dati degli endpoint

Gli strumenti di gestione degli endpoint, come NinjaOne, consentono ai tecnici di monitorare e analizzare i dati degli endpoint in tempo reale. Ciò consente ai professionisti IT di monitorare e misurare le prestazioni degli endpoint per valutare la salute e la sicurezza dei dispositivi.

Come NinjaOne aiuta gli MSP e i reparti IT di qualsiasi azienda a gestire gliendpoint

La soluzione di gestione degli endpoint di NinjaOne consente ai professionisti IT di ottenere visibilità e controllo su tutti gli endpoint di una rete. Attualmente, NinjaOne è compatibile con tre gruppi di endpoint:

Gruppo 1

Server Windows, Mac e Linux, oltre a workstation e laptop

Gruppo 2

HyperV e VMware, macchine virtuali host e guest

Gruppo 3

Dispositivi abilitati SNMP, come dispositivi di rete, dispositivi NAS, server, siti web/endpoint web; NinjaOne può monitorare la disponibilità e il tempo di attività di questi tipi di dispositivi   Con NinjaOne, la gestione degli endpoint è un processo semplice e facile. Per gestire e monitorare i dispositivi all’interno dello strumento NinjaOne, procedere come segue: 1) Dalla dashboard di NinjaOne, accedi alla scheda Organizzazioni 2) Individua un’organizzazione e clicca su di essa 3) Ora dovresti vedere tutti i dispositivi associati all’organizzazione 4) Seleziona un dispositivo per visualizzare il record del dispositivo/la panoramica generale del dispositivo 5) Nel record del dispositivo, puoi trovare informazioni generali sul dispositivo, indicatori di prestazioni e integrità del dispositivo in tempo reale e altro ancora 6) Per ulteriori informazioni sul dispositivo, passa dalla pagina di panoramica in cui ci si trova attualmente alla pagina dei dettagli, dove si trovano memoria, processori, volume del disco, adattatori di rete, ecc.

Conclusione

Con NinjaOne nella tua dotazione di strumenti , avrai accesso alle migliori soluzioni di RMM, gestione delle patch e gestione degli endpoint. Dal patching automatico ai dati sulle prestazioni dei dispositivi, questa soluzione software ha tutto ciò che serve per mantenere gli endpoint sempre organizzati e protetti. Prova NinjaOne con una prova gratuita e scopri perché è la soluzione giusta per il tuo ambiente IT.

Passi successivi

La creazione di un team IT efficiente ed efficace richiede una soluzione centralizzata che funga da principale strumento di erogazione dei servizi. NinjaOne consente ai team IT di monitorare, gestire, proteggere e supportare tutti i dispositivi, ovunque essi si trovino, senza la necessità di una complessa infrastruttura locale.

Scopri di più su NinjaOne Endpoint Management, fai un tour dal vivoinizia la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.
Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Inviando questo modulo, accetto La politica sulla privacy di NinjaOne.

Termini e condizioni NinjaOne

Cliccando sul pulsante “Accetto” qui sotto, dichiari di accettare i seguenti termini legali e le nostre condizioni d’uso:

  • Diritti di proprietà: NinjaOne possiede e continuerà a possedere tutti i diritti, i titoli e gli interessi relativi allo script (compreso il copyright). NinjaOne ti concede una licenza limitata per l’utilizzo dello script in conformità con i presenti termini legali.
  • Limitazione d’uso: Puoi utilizzare lo script solo per legittimi scopi personali o aziendali interni e non puoi condividere lo script con altri soggetti.
  • Divieto di ripubblicazione: In nessun caso ti è consentito ripubblicare lo script in una libreria di script appartenente o sotto il controllo di un altro fornitore di software.
  • Esclusione di garanzia: Lo script viene fornito “così com’è” e “come disponibile”, senza garanzie di alcun tipo. NinjaOne non promette né garantisce che lo script sia privo di difetti o che soddisfi le tue esigenze o aspettative specifiche.
  • Assunzione del rischio: L’uso che farai dello script è da intendersi a tuo rischio. Riconosci che l’utilizzo dello script comporta alcuni rischi intrinseci, che comprendi e sei pronto ad assumerti.
  • Rinuncia e liberatoria: Non riterrai NinjaOne responsabile di eventuali conseguenze negative o indesiderate derivanti dall’uso dello script e rinuncerai a qualsiasi diritto legale o di equità e a qualsiasi rivalsa nei confronti di NinjaOne in relazione all’uso dello script.
  • EULA: Se sei un cliente NinjaOne, l’uso dello script è soggetto al Contratto di licenza con l’utente finale (EULA) applicabile.