Innovare per competere. Questa è la filosofia che guida il lavoro di Easytech fin dal primo giorno. Easytech nasce a Bergamo nel 2006, dall’iniziativa di tre giovani consulenti informatici. Fabio Finazzi (Amministratore Delegato di Easytech), che ha sempre diretto l’area tecnica dell’azienda, ci racconta come NinjaOne sia stato un pilastro portante nel percorso di innovazione continuo per garantire il successo della sua azienda e soprattutto dei suoi clienti in tutta Italia.

NinjaOne ha una presenza stabile a livello globale, soprattutto negli Stati Uniti e in diversi paesi europei, ma solo da alcuni anni si è aperto all’Italia. A riguardo, Easytech è stato uno dei primi MSP a adottarlo, contribuendo fortemente ad affermare NinjaOne anche nel Bel Paese.

“Da sempre, abbiamo l’esigenza e il desiderio di portare forte innovazione nel nostro lavoro. Ciò che facevamo l’anno precedente, difficilmente viene ripetuto l’anno seguente”, ci racconta Fabio. Di conseguenza, il fatto di continuamente introdurre novità ad alto valore, è una priorità di Easytech per poter mantenere alte le aspettative dei suoi clienti e soprattutto per giustificare gli stessi servizi offerti.

Questa mentalità ha portato Easytech a non posizionarsi più solamente come una semplice azienda di consulenza, ma bensì un vero e proprio system integrator che raggruppa differenti componenti e che si assicura che funzionino assieme. Con un portafoglio orientato prevalentemente su soluzioni di security, Easytech offre sempre meno materiale hardware e software, focalizzandosi invece sempre di più ad erogare servizi. Perciò l’azienda è oggi arrivata ad essere considerata uno degli MSP più affidabili sul mercato italiano, che propone soluzioni personalizzate per la digital transformation, per l’Industria 4.0 e appunto la massima sicurezza informatica.

Come ci spiega Fabio, in questa evoluzione, Easytech ha aumentato il proprio portafoglio clienti, (tra le partnership più importanti, quella CSP con Microsoft, in qualità di rivenditore) trovandosi ad affrontare esigenze differenti dal passato. “Ovviamente sapevamo che un modello Break-fix non era più sostenibile e che invece, dovevamo dirigerci verso una mentalità più proattiva di monitoraggio continuativo delle macchine virtuali dei nostri clienti. Fabio ed i suoi soci hanno così deciso di fare affidamento su una soluzione RMM per raggiungere una gestione più automatica.

“Per il primo periodo ci siamo affidati a Kaseya e devo ammettere che l’aspettativa non è stata soddisfatta. Paradossalmente, Kaseya è un prodotto “troppo completo”, difficile da configurare e che richiede troppo tempo per essere messo in servizio. I costi in termini di tempo speso, superavano i benefici che il prodotto poteva offrire.

“Nel 2019 abbiamo così deciso di cambiare e nonostante avessimo preso in considerazione diverse soluzioni, solo NinjaOne ci ha fin da subito dimostrato di essere un gradino superiore.”

“Per esempio, durante una delle prime demo, Sasha (del dipartimento commerciale) è stato molto in gamba, conquistando da subito la mia attenzione. In poco tempo, mi ha dimostrato che le funzionalità a cui avevo accesso sulla piattaforma di Ninja, rispecchiavano esattamente quello che mi aspettavo. Inoltre, il fatto di comprendere da solo (ed in poco tempo) come il software ed i diversi strumenti di Ninja funzionassero, mi ha fatto capire che era il prodotto giusto per me! Praticità e risultati erano a portata di mano!”

“Passando da Kaseya a NinjaOne abbiamo semplificando di molto i nostri processi. Easytech offre servizi ad una moltitudine di clienti eterogenei, i quali necessitano la creazione di tante differenti policy/criteri personalizzati e con Ninja abbiamo potuto facilmente soddisfare questo requisito, a differenza di Kaseya.

Una delle caratteristiche di NinjaOne, che ha maggiormente impressionato Fabio è stato il patch management, che i tecnici di Ninja continuano ad evolvere (permettendo patching dei sistemi operativi, di software/applicazioni di terze parti, di automazione delle stesse patch e di verifica della conformità con reportistica dettagliata). “Per esempio, per quanto riguarda il software management (non solo dei sistemi operativi), nel caso un cliente ne abbia bisogno, con Ninja so che posso fare affidamento sulla distribuzione di applicativi aggiornati", ci spiega Fabio.

“Quando si tratta di monitoraggio e avvissi, devo ammettere che non ho grosse esigenze. Ho semplicemente bisogno di monitorare solo alcune delle parti dell’infrastruttura informatica dei miei clienti, però ho bisogno di farlo in modo efficiente. NinjaOne in questo mi ha nuovamente dato delle grandi soddisfazioni. Applicandolo a tutti i client, riesco ad accorgermi se un disco è lento, se si sta rompendo, se si sta saturando o banalmente se i server sono saturi di processore o RAM. Inoltre, Il motivo per cui apprezzo molto questa funzionalità è che, accorgendomi in anteprima di cosa sta accadendo, ho la possibilità di attivare i miei commerciali e di conseguenza ottenere un ritorno economico”.

NinjaOne inoltre supporta il monitoraggio “Multi-OS”, dando la possibilità di controllare in tempo reale sistemi operativi Mac, Windows e Linux. L’agente di Ninja a basso impatto utilizza tecniche di acquisizione dati native, per raccogliere informazioni approfondite sulla salute dei dispositivi e sulla produttività di endpoint CentOS, RedHat, Debian e Ubuntu Linux.

Proprio a riguardo, Fabio ci parla della buona capacità di ascolto degli interlocutori di Ninja. Quando inizialmente Easytech ha firmato, Linux non faceva parte dei sistemi operativi supportati, ma la volontà a soddisfare le richieste dei propri partner ha portato ad abilitarlo in poco tempo, dimostrando ancora una volta la mentalità evolutiva di questa azienda. “Se richiedo qualcosa, so che le mie parole sono ascoltate e prese seriamente in considerazione”.

“Sempre in riferimento alla volontà di ascoltare, non potrei non menzionare di quando, in pieno inizio pandemia nel marzo 2020, nonostante l’aver firmato un contratto a priori, Ninja si è reso disponibile a venirci incontro, senza particolari problemi. In un periodo non facile, questo ha decisamente aiutato ad equilibrare i nostri flussi di cassa”.

Continuando nel suo racconto, Fabio ci parla anche di come Ninja si distingue decisamente rispetto ad altre soluzioni RMM per quanto riguarda l'automazione di script e di conseguenza della grande quantità di tempo che si risparmia grazie ad essa. “Prima impiegavamo 2 tecnici ed una settimana di lavoro per installare 50 software MSOffice, oggi riusciamo a gestire questo tipo di deployment in una giornata. Il risparmio di tempo è notevole”.

“In due anni, da quando abbiamo iniziato con Ninja siamo passati da 60 endpoint a 2000. Chiaramente, i nostri commerciali hanno lavorato duro, però devo ammettere che il fatto di poter includere un prodotto come Ninja nei nostri pacchetti di servizi, è stato fondamentale per giustificare determinati dettagli contrattuali con i clienti”.

In conclusione, Fabio rimarca come il passare a NinjaOne da Kaseya sia stato fondamentale per proseguire il proprio percorso di innovazione. “Ninja ci ha aiutato a svecchiare le nostre metodologie, a ringiovanire le procedure e perché no, stimolare la motivazione dei nostri tecnici, i quali hanno sempre bisogno di nuovi incentivi per proseguire nel lavoro di ogni giorno.”

“Ninja per me è stato come un piccolo robot (volendo essere un po’ nostalgici, come quel robottino che fin da piccoli ci si immagina poter far qualsiasi cosa). Aiutandoci nel lavoro di ogni giorno, NinjaOne è la nostra porta verso il futuro”.