Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Cos’è il Cross-Site Scripting (XSS) e come funziona?

Il concetto di Cross-Site Scripting, più comunemente noto come XSS, lascia spesso gli utenti del web a grattarsi la testa per la confusione. Questo concetto complesso ma cruciale nel campo della sicurezza informatica viene spesso discusso sia dagli sviluppatori che dai proprietari di siti web. Oggi ci addentreremo in modo approfondito nel mondo degli XSS.

Che cos’è il cross-site scripting?

Il Cross-Site Scripting (XSS) è una vulnerabilità di sicurezza molto diffusa nelle applicazioni web. Consente agli aggressori di inserire script dannosi nelle pagine Web visualizzate da altri utenti. Un attacco riuscito alle organizzazioni che non hanno implementato un corretto sistema di gestione delle vulnerabilità può portare a una serie di risultati negativi, tra cui il furto di identità, una perdita finanziaria o addirittura la trasformazione del computer dell’utente in una botnet.

Come funziona il Cross-Site Scripting?

Il meccanismo alla base degli XSS è piuttosto semplice ma ingegnoso. Gli aggressori sfruttano le falle nella programmazione di un sito web per inserire script dannosi. Quando un utente visita il sito compromesso, il suo browser esegue questi script, pensando che facciano parte del sito web legittimo. L’aggressore può quindi accedere a dati sensibili o addirittura controllare l’interazione dell’utente con il sito.

Vettori di attacco comuni dei Cross-Site Scripting

  • Attacchi XSS memorizzati

Questi attacchi si verificano quando lo script dannoso viene memorizzato in modo permanente sul server di destinazione. Ogni volta che un utente accede alla pagina compromessa, lo script viene eseguito, e questo meccanismo rende l’attacco uno strumento potente per i criminali informatici.

  • Attacchi XSS riflessi

In questo scenario, lo script dannoso è incorporato in un URL. Quando l’utente fa clic sul link che è stato manipolato, lo script viene trasferito dal server Web ed eseguito nel browser dell’utente.

  • Attacchi XSS DOM-based

In questo caso, lo script dannoso manipola il Document Object Model (DOM) di una pagina web. Altera la struttura della pagina web nel browser dell’utente, portando a risultati inaspettati e spesso pericolosi.

Come prevenire gli attacchi Cross-Site Scripting?

La prevenzione degli attacchi XSS è principalmente nelle mani degli sviluppatori web. Questi devono adottare pratiche sicure di programmazione, utilizzare header di sicurezza e applicare meccanismi di controllo e filtraggio degli input dell’utente. Inoltre, la Content Security Policy (CSP), uno strumento che consente ai proprietari di siti web di controllare quali script vengono eseguiti sul loro sito, può essere molto efficace.

Gli XSS sono una minaccia significativa nel mondo digitale

Il Cross Site Scripting è una minaccia significativa nel mondo digitale in cui ci muoviamo. La comprensione del suo funzionamento ci consente di adottare misure per sventare potenziali attacchi. Rimanendo vigili e adottando solide pratiche di sicurezza possiamo garantire che i nostri spazi digitali rimangano sicuri e protetti.

Ricorda che il mondo virtuale rispecchia quello reale; come non lasceresti la porta di casa aperta in attesa dei ladri, non lasciare che i tuoi siti web siano vulnerabili agli attacchi XSS.

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.