Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Inviando questo modulo, accetto La politica sulla privacy di NinjaOne.

Fine del ciclo di vita di Windows Server 2012: Cosa hai bisogno di sapere

End-of-life Windows Server 2012 blog banner

L’ultimo giorno di supporto per Windows Server 2012 e Windows Server 2012/R2 è fissato al 10 ottobre 2023. Microsoft ha annunciato: “Dopo questa data, questi prodotti non riceveranno più aggiornamenti di sicurezza, aggiornamenti non di sicurezza, correzioni di bug, supporto tecnico o aggiornamenti di contenuti tecnici online”.

Recentemente, anche Windows 7/8/8.1 sono arrivati al termine del supporto. Senza un supporto continuo da parte di Microsoft, il software diventa meno sicuro e più rischioso, e per questo motivo il ciclo di vita del prodotto si considera terminato.

La storia di Windows Server 2012/R2

La fine del ciclo di vita di Windows Server 2012 non dovrebbe essere una sorpresa per gli utenti Windows. Il 9 ottobre 2018 è terminato di fatto il supporto mainstream del prodotto dopo sei anni di supporto continuo, e alle organizzazioni che utilizzavano (o utilizzano) Windows Server 2012 è stata concessa un’ulteriore estensione del supporto di cinque anni per utilizzare il prodotto e capire come effettuare la transizione. Ora che il periodo di cinque anni è quasi terminato e la vita del prodotto sta per finire, tutte le aziende che ancora utilizzano Windows Server 2012 devono valutare come pianificare e attuare il cambiamento.

Perché Microsoft sta terminando il supporto a Windows Server 2012/R2

Windows Server 2012/R2 di Microsoft rispetta i criteri fissi in merito al ciclo di vita, che vengono applicati a molti dei prodotti commerciali e ad alcuni dei prodotti consumer di Microsoft. Le tre principali caratteristiche di un criterio fisso del ciclo di vita consistono in:

  • Fasi e tempistiche del ciclo di vita disponibili già al lancio del prodotto
  • 5 anni di supporto mainstream
  • Supporto extended per prodotti selezionati

La fine del ciclo di vita dei prodotti Microsoft segue quindi le tempistiche del ciclo di vita fornite al momento del lancio iniziale del prodotto. Dato che Windows Server 2012 sta raggiungendo la fine del supporto extended, anche il prodotto sta arrivando alla fine del suo ciclo.

Come le aziende e i professionisti IT saranno colpiti dalla fine del ciclo di vita di Windows Server 2012/R2

La fine del ciclo di vita di Windows Server 2012 può avere una serie di effetti positivi e negativi, a seconda di quanto la tua organizzazione sia preparata al cambiamento.

Effetti positivi della fine del ciclo di vita di Windows Server 2012

Se la tua azienda e i professionisti IT hanno aggiornato o migrato da Windows Server 2012, potrai godere di questi effetti positivi:

Assistenza tecnica continua

Uno dei maggiori vantaggi di rimanere aggiornati sulla tecnologia utilizzata è il supporto continuo che riceverai per i tuoi prodotti. Se qualcosa va storto e non riesci a risolvere la situazione attraverso lo strumento di risoluzione dei problemi, sarà possibile rivolgersi a Microsoft, e questo è rassicurante dato che si tratta dei creatori del sistema. Potrai inoltre stare tranquillo sapendo che i sistemi in esecuzione nel tuo ambiente IT sono sicuri e in buono stato di salute, almeno per il momento.

Tecnologia aggiornata

Mantenere aggiornati i sistemi Windows significa poter usufruire di sistemi più veloci ed efficienti. Questo contribuisce ad aumentare la produttività dell’organizzazione e a snellire i processi che si svolgono all’interno dell’ambiente IT (e questi processi sono sempre più numerosi a causa della fase di trasformazione digitale).

Aderenza agli standard di conformità

Gli standard dei criteri di conformità generalmente hanno tra i requisti richiesti alle aziende quello di utilizzare software e sistemi supportati. Aggiornando continuamente i sistemi, potrai essere sicuro che la tua organizzazione rimanga in linea con gli standard di conformità del settore in cui opera.

Effetti negativi della fine del ciclo di vita di Windows Server 2012

D’altra parte, se la tua organizzazione utilizza ancora Windows Server 2012 perché segue la regola “se non è rotto, non aggiustarlo”, è probabilmente giunto il momento di cambiare questo approccio. I possibili effetti negativi dell’utilizzo di Windows Server 2012 al termine del suo ciclo di vita includono:

Perdita del supporto tecnico

La fine del ciclo di vita di Windows Server 2012 segna anche la fine del periodo di supporto extended. Potrai ancora utilizzare il sistema, ma quando ti capiterà di avere un problema e avrai la necessità di risolverlo, Microsoft non potrà di aiutarti. Utilizzare un sistema obsoleto significa anche affidarsi a un sistema soggetto a sviluppare più problemi.

Non conformità

Utilizzare sistemi supportati nell’ambiente IT è un requisito comune degli standard di conformità. Se stai ancora utilizzando Windows Server 2012 quando ha raggiunto il suo termine di vita, ti troverai in una situazione di non conformità. Se non riesci a soddisfare i requisiti di conformità, potresti ricevere delle multe salate.

Rischi per la sicurezza

La fine del ciclo di vita di Windows Server 2012 significa che non ci saranno più patch o aggiornamenti di sicurezza per il sistema. Questo è potenzialmente uno dei maggiori rischi derivanti dall’utilizzo del prodotto dopo il termine del supporto da parte di Microsoft.

3 azioni per prepararsi alla fine del ciclo di vita di Windows Server 2012/R2

Per supportare le aziende che attualmente utilizzano Windows Server 2012 o Windows Server 2012 R2, Microsoft ha indicato delle opzioni per prepararsi all’imminente cambiamento. A seconda dello stato dell’ambiente IT dell’azienda, che si tratti di un ambiente in cloud oppure on-prem e di altri fattori correlati, vengono suggerite tre azioni da intraprendere per prepararsi alla fine del ciclo di vita di Windows 2012/R2:

1. Migrazione ad Azure con aggiornamenti di sicurezza garantiti per un massimo di 3 anni

La prima azione suggerita è la migrazione da Windows 2012/R2 ad Azure. Microsoft Azure è una piattaforma di cloud computing con una vasta gamma di opzioni che includono Azure Virtual Machines, Azure Dedicated Host, Azure VMware Solution e Azure Stack HCI. Passare ad Azure ti permetterà di proteggere il lavoro svolto su Windows Server 2012 e di modernizzare l’ambiente IT.

2. Aggiornamento a Windows Server 2022 on-premise

Se vuoi rimanere sulla piattaforma Windows Server on-prem, allora dovrai necessariamente valutare un aggiornamento all’ultimo Windows Server 2022. Quest’ultima versione offre una protezione avanzata contro le minacce informatiche, funzionalità ibride e funzioni di sistema migliorate. Se hai bisogno di aiuto per valutare la possibilità di aggiornamento, dai un’occhiata a questa utile tabella di confronto che evidenzia le differenze tra Windows Server 2016, 2019 e 2022. Inoltre, ReadyWorks illustra le modalità di migrazione e i passi da seguire per una migrazione di successo.

3. Acquistare gli aggiornamenti di sicurezza estesi per Windows Server 2012/R2

Per le aziende che non dovessero riuscire a rispettare la scadenza di ottobre o per altre circostanze particolari, Microsoft offre ancora la possibilità di acquistare gli aggiornamenti di sicurezza estesi. In questo modo potrai ricevere almeno gli aggiornamenti classificati come critici o importanti. Se dovessi decidere di scegliere questa opzione, ti consigliamo di creare una roadmap relativa alle tecnologie implementate, con i dettagli su come aggiornerai il tuo ambiente IT in futuro.

Come organizzare il percorso che la tua organizzazione dovrà seguire per affrontare l’imminente fine del ciclo di vita di Windows Server 2012/R2

La tecnologia è in continuo cambiamento e avanzamento ed è importante rimanere aggiornati su questi cambiamenti. Capire che tipo di percorso intraprendere in merito agli aggiornamenti e alle modifiche tecnologiche richiede una solida pianificazione, ma prepararsi adeguatamente ti permetterà di rendere la tecnologia aziendale più sicura, efficiente e affidabile.

Prendi in considerazione tutto quello che è legato al tuo Windows Server, indipendentemente dalla versione, e valuta il possibile impatto di un mantenimento del software attuale. Se stai lavorando ancora su Windows Server 2012/R2 dovrai prendere in seria considerazione la possibilità di aggiornamento o migrazione, a causa dei rischi connessi all’utilizzo di sistemi non supportati. Se hai una versione più recente del prodotto, ma non l’ultima, potrebbe essere una buona idea discutere con l’organizzazione in merito a una roadmap tecnologica più ampia che pianifichi i progetti di lavoro e le questioni legate al rispetto di alcuni standard.

Crescere con NinjaOne

NinjaOne è una soluzione software di gestione IT cloud-based che permette il monitoraggio remoto di server e workstation. Mantieni il tuo Windows Server aggiornato e sicuro utilizzando la nostra gestione delle patch per Windows Server. Registrati oggi stesso per una prova gratuita e scopri quanto può essere facile gestire i server e i sistemi della tua organizzazione.

 

Passi successivi

La creazione di un team IT efficiente ed efficace richiede una soluzione centralizzata che funga da principale strumento per la fornitura di servizi. NinjaOne consente ai team IT di monitorare, gestire, proteggere e supportare tutti i dispositivi, ovunque essi si trovino, senza la necessità di una complessa infrastruttura locale.

Per saperne di più su NinjaOne Endpoint Management, fai un tour dal vivo, o inizia la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.

Termini e condizioni NinjaOne

Cliccando sul pulsante “Accetto” qui sotto, dichiari di accettare i seguenti termini legali e le nostre condizioni d’uso:

  • Diritti di proprietà: NinjaOne possiede e continuerà a possedere tutti i diritti, i titoli e gli interessi relativi allo script (compreso il copyright). NinjaOne ti concede una licenza limitata per l’utilizzo dello script in conformità con i presenti termini legali.
  • Limitazione d’uso: Puoi utilizzare lo script solo per legittimi scopi personali o aziendali interni e non puoi condividere lo script con altri soggetti.
  • Divieto di ripubblicazione: In nessun caso ti è consentito ripubblicare lo script in una libreria di script appartenente o sotto il controllo di un altro fornitore di software.
  • Esclusione di garanzia: Lo script viene fornito “così com’è” e “come disponibile”, senza garanzie di alcun tipo. NinjaOne non promette né garantisce che lo script sia privo di difetti o che soddisfi le tue esigenze o aspettative specifiche.
  • Assunzione del rischio: L’uso che farai dello script è da intendersi a tuo rischio. Riconosci che l’utilizzo dello script comporta alcuni rischi intrinseci, che comprendi e sei pronto ad assumerti.
  • Rinuncia e liberatoria: Non riterrai NinjaOne responsabile di eventuali conseguenze negative o indesiderate derivanti dall’uso dello script e rinuncerai a qualsiasi diritto legale o di equità e a qualsiasi rivalsa nei confronti di NinjaOne in relazione all’uso dello script.
  • EULA: Se sei un cliente NinjaOne, l’uso dello script è soggetto al Contratto di licenza con l’utente finale (EULA) applicabile.