Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Inviando questo modulo, accetto La politica sulla privacy di NinjaOne.

Le 5 principali sfide del patch management nel 2024

,
Patch management challenges blog banner

Da Microsoft a Samsung, anche le aziende tecnologiche più importanti del mondo si trovano spesso ad affrontare le conseguenze dei software privi di patch, tra cui compromessi della sicurezza, furto di dati e perdita di risorse. È chiaro che le patch sono importanti per il successo e la sicurezza di un’infrastruttura IT; tuttavia, il patch management non è affatto un compito facile. Nel 2024, le principali sfide per il patch management sono la mancanza di visibilità degli endpoint, i processi di patching che richiedono molto tempo, la carenza di personale IT, la forza lavoro ibrida/remota e la necessità di applicare patch a sistemi diversi.

Perché il patch management è in aumento

“Più di 33 miliardi di record saranno rubati dai criminali informatici entro il 2023, con un aumento del 175% rispetto al 2018”, stabilisce il report del 2023 sulla cybersecurity di TechTarget. Esistono migliaia di statistiche simili a questa che evidenziano chiaramente un fatto: la criminalità informatica è in aumento. Per questo motivo, anche il patch management è in aumento quest’anno e sta diventando un’area di attenzione importante per tutti i professionisti IT.

Le 5 principali sfide del patch management nel 2024

La tecnologia è in continua evoluzione, e questo implica che anche le sfide che accompagnano i progressi tecnologici cambiano allo stesso modo. Quest’anno, le 5 principali sfide del patch management sono:

1) Processi di patching che richiedono molto tempo

“Il 71% dei professionisti dell’IT e della sicurezza ritiene che il patching sia eccessivamente complesso e richieda molto tempo”, afferma Ivanti. L’applicazione manuale delle patch su ogni dispositivo della rete non è solo un processo frustrante e lento, ma è anche estremamente inefficiente per le grandi organizzazioni. Senza la giusta soluzione di patching, i team IT hanno difficoltà ad applicare le patch e a proteggere gli endpoint tempestivamente.

2) Mancanza di visibilità degli endpoint

Senza la visibilità degli endpoint, è impossibile applicare le patch a tutti i dispositivi su una rete. I professionisti dell’IT hanno bisogno di una visione chiara del loro ambiente IT per poter applicare con successo le patch a tutti gli endpoint. La visibilità degli endpoint non solo supporta le attività di patching, ma aiuta anche la sicurezza della rete, essendo la prima fase di un processo di monitoraggio e gestione della rete.

3) L’aumento della forza lavoro ibrida e remota

Lo smartworking è diventato estremamente frequente dopo il 2020 e, mentre inizialmente gli esperti pensavano che il numero di lavoratori a distanza sarebbe diminuito negli anni successivi, ha continuato ad aumentare. “Più della metà dei lavoratori (il 64%) è completamente da remoto. Si tratta di un aumento significativo rispetto al 2022, quando il numero era del 49%.” Sebbene al momento gli ambienti con un setup ibrido non siano così popolari come gli ambienti completamente da remoto, sono comunque in aumento.

A causa dell’aumento del lavoro remoto e ibrido, gli endpoint sono dispersi ovunque. Questo rende il patching ancora più impegnativo di prima, poiché i team IT dovranno trovare, accedere e applicare le patch ai dispositivi da remoto.

4) Carenza di personale IT

Purtroppo non è un segreto che ci sia carenza di professionisti IT, in particolare nei settori della sicurezza e dell’assistenza IT. Questa sfida riguarda in particolare gli MSP, che hanno lavoro in arrivo ma non hanno il personale necessario per fornire i loro servizi di patching.

5) Diversi sistemi e applicazioni

Molte organizzazioni operano utilizzando diversi sistemi e applicazioni. Ciò significa che i professionisti IT dovranno essere in grado di applicare patch a diversi sistemi operativi, come Linux, MacOS e Windows, nonché a diverse applicazioni di terze parti. Come si può immaginare, l’applicazione di patch a tutti questi sistemi può diventare una vera e propria seccatura, a meno che non si utilizzi uno strumento di patch management in grado di applicare le patch ai diversi sistemi.

Come superare i problemi di patching

Sebbene questi problemi di patching sembrino complicati, bastano un po’ di tempo, dedizione e aggiustamenti per evitare che si verifichino nel tuo ambiente IT. Di seguito, troverai le soluzioni corrispondenti ai problemi di patching menzionate nella sezione precedente, quindi la prima soluzione risolve il primo problema di patching menzionato sopra, la seconda soluzione risolve il secondo problema e così via.

1) Automatizza i processi per rendere il patching più veloce e più efficiente

L’automazione è il modo migliore per rendere il patching più rapido, semplice ed efficiente. Il patch management automatizzato offre molti altri vantaggi ai team IT, come la riduzione degli errori manuali, la semplificazione della reportistica e il rafforzamento della sicurezza. Se il tuo attuale sistema di patch management richiede molto tempo e troppo impegno, l’automazione è la soluzione che fa per te.

2) Imposta sistemi di endpoint management per una migliore visibilità

La visibilità degli endpoint è importante per proteggere i dati, ma è anche un fattore chiave per qualsiasi sistema di patch management. Per applicare le patch a tutti gli endpoint della rete, è necessario visualizzarli. I sistemi di monitoraggio e gestione degli endpoint forniscono una visione chiara dell’infrastruttura IT e dei tuoi endpoint, migliorando così la visibilità e garantendo che nessun dispositivo rimanga a lungo inosservato e privo di patch.

3) Monitora e gestisci tutti i dispositivi e la forza lavoro da remoto

Secondo le più recenti best practice per il patching remoto, il monitoraggio e la gestione costante dei dispositivi remoti e del loro stato dello patch è essenziale per il successo di un programma di patch management. Con uno strumento di monitoraggio e gestione remota, gli utenti sono in grado di ottenere una visione dei loro ambienti IT remoti o ibridi per applicare patch a tutti i dispositivi di una rete.

4) Automatizza i processi di patching di base per compensare la mancanza di personale

Le strategie utilizzate dai direttori informatici per risolvere la carenza di talenti tecnologici e dell’IT sono molteplici; tuttavia, una delle soluzioni più semplici, rapide ed efficaci non consiste nell’assumere altro personale, ma nel ricorrere all’automazione. L’automazione non solo supporta la conformità delle patch, ma aiuta anche gli MSP e i reparti IT a funzionare senza problemi anche con personale limitato.

5) Scegli una soluzione di patch management che funzioni con diversi sistemi/applicazioni

Poiché i professionisti e le organizzazioni IT lavorano con diversi sistemi, i dipartimenti IT e gli MSP hanno bisogno di soluzioni di patch management che siano in grado di lavorare con questi diversi sistemi e applicazioni. Ad esempio, con NinjaOne Patching gli utenti possono applicare patch a dispositivi Linux, MacOS e Linux, oltre che a centinaia di applicazioni aziendali comuni.

Semplifica il patch management con NinjaOne

Poiché questi problemi di patching non scompariranno presto, è necessario uno strumento di patch management che sia in grado di gestirle e risolverle con facilità. La soluzione di patch management di NinjaOne e l’ RMM di NinjaOne consentono agli utenti di automatizzare i processi di patching, ottenere visibilità sugli endpoint, monitorare e gestire da remoto i dispositivi e applicare patch a vari sistemi o applicazioni. Grazie a queste funzionalità e ad altre ancora, è chiaro perché NinjaOne è stato inserito nell’elenco dei migliori strumenti di patch management del 2023. Utilizza una prova gratuita di NinjaOne per iniziare a superare i tuoi problemi di patching con fiducia.

Passi successivi

Il patching è l’aspetto più importante di una strategia di hardening dei dispositivi. Secondo Ponemon, quasi il 60% delle violazioni potrebbe essere evitato grazie a un’efficace soluzione di patching. NinjaOne consente di applicare patch a tutti i dispositivi Windows, Mac e Linux in modo semplice e veloce, sia da remoto che in sede.
Scopri qualcosa in più su NinjaOne Patch Management, fai un tour dal vivo o inizia la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.

Termini e condizioni NinjaOne

Cliccando sul pulsante “Accetto” qui sotto, dichiari di accettare i seguenti termini legali e le nostre condizioni d’uso:

  • Diritti di proprietà: NinjaOne possiede e continuerà a possedere tutti i diritti, i titoli e gli interessi relativi allo script (compreso il copyright). NinjaOne ti concede una licenza limitata per l’utilizzo dello script in conformità con i presenti termini legali.
  • Limitazione d’uso: Puoi utilizzare lo script solo per legittimi scopi personali o aziendali interni e non puoi condividere lo script con altri soggetti.
  • Divieto di ripubblicazione: In nessun caso ti è consentito ripubblicare lo script in una libreria di script appartenente o sotto il controllo di un altro fornitore di software.
  • Esclusione di garanzia: Lo script viene fornito “così com’è” e “come disponibile”, senza garanzie di alcun tipo. NinjaOne non promette né garantisce che lo script sia privo di difetti o che soddisfi le tue esigenze o aspettative specifiche.
  • Assunzione del rischio: L’uso che farai dello script è da intendersi a tuo rischio. Riconosci che l’utilizzo dello script comporta alcuni rischi intrinseci, che comprendi e sei pronto ad assumerti.
  • Rinuncia e liberatoria: Non riterrai NinjaOne responsabile di eventuali conseguenze negative o indesiderate derivanti dall’uso dello script e rinuncerai a qualsiasi diritto legale o di equità e a qualsiasi rivalsa nei confronti di NinjaOne in relazione all’uso dello script.
  • EULA: Se sei un cliente NinjaOne, l’uso dello script è soggetto al Contratto di licenza con l’utente finale (EULA) applicabile.