Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Inviando questo modulo, accetto La politica sulla privacy di NinjaOne.

L’importanza dei punteggi CVE e CVSS

patch management audit checklist blog banner

Con l’inizio del nuovo anno, le organizzazioni possono aspettarsi un aumento significativo degli attacchi informatici. Per combattere queste minacce imminenti, l’ efficienza del patching e dei processi di patch management sarà essenziale. Prima di applicare le patch alle vulnerabilità, i team IT devono concentrarsi su due valutazioni principali delle vulnerabilità: I punteggi CVE e CVSS. Di seguito, esamineremo l’importanza dei punteggi CVSS e CVE e alcuni dei loro usi e benefici nel settore della sicurezza informatica.

Qual è la differenza tra i punteggi CVE e CVSS?

I punteggi CVE e CVSS sono entrambi valutazioni delle vulnerabilità. Secondo il National Vulnerability Database, una vulnerabilità è “una debolezza nella logica computazionale (ad esempio, il codice) presente nei componenti software e hardware che, se sfruttata, ha un impatto negativo sulla riservatezza, l’integrità o la disponibilità.” Prima di applicare una patch ad una vulnerabilità, le organizzazioni utilizzano i punteggi CVSS e CVE per raccogliere ulteriori informazioni sulla vulnerabilità e sulla sua gravità.

Che cos’è il CVE

Il CVE è l’acronimo di Common Vulnerabilities or Exposers ed è un elenco pubblico delle vulnerabilità della sicurezza informatica. Questo glossario organizza queste debolezze della sicurezza con numeri di identificazione, date e descrizioni.

Che cos’è il CVSS

Il CVSS è l’acronimo di Common Vulnerability Scoring System ed è un punteggio numerico che valuta la gravità delle vulnerabilità su una scala da 0 a 10, dove 10 è il valore più grave. Viene spesso utilizzato per valutare la gravità delle vulnerabilità divulgate pubblicamente ed elencate nel CVE.

Dove trovare i punteggi CVSS e CVE

Attualmente, il MITRE gestisce il database CVE e lavora a stretto contatto con il National Vulnerability Database (NVD), che fa parte del National Institute of Standards and Technology (NIST). Per trovare i punteggi CVSS, le aziende si affidano a FIRST, un’organizzazione no profit statunitense.

Utilizzi per i punteggi CVE e CVSS

Oggi i team IT si affidano ai punteggi CVE e CVSS per conoscere meglio le debolezze della sicurezza prima di creare strategie per risolverle. Alcuni usi comuni dei punteggi CVE e CVSS includono:

  • Quantificare la gravità delle vulnerabilità

I punteggi CVSS quantificano la gravità delle vulnerabilità. Un team IT può utilizzare queste informazioni per determinare quali vulnerabilità rappresentano le minacce più gravi e risolverle prima di passare a debolezze più lievi. Ad esempio, una vulnerabilità con un punteggio CVSS pari a 8 rappresenta una minaccia maggiore rispetto a una vulnerabilità con un punteggio pari a 3. In questo caso, un team IT può risolvere prima la vulnerabilità con punteggio 8 e poi la vulnerabilità meno grave con punteggio 3.

  • Comprendere di più su ogni vulnerabilità

Il CVE fornisce descrizioni, date e altre informazioni sulle vulnerabilità. Inoltre, il CVE a volte elenca le correzioni o le soluzioni per una specifica vulnerabilità. Queste preziose informazioni consentono a un team IT di saperne di più su una vulnerabilità in modo da poter trovare una soluzione.

  • Supporto alle attività di patch management

I punteggi CVE e CVSS forniscono una guida al team IT e un ulteriore supporto alle attività di patch management. Queste valutazioni aiutano il team IT a pianificare, preparare e risolvere le vulnerabilità prima che diventino un problema serio per l’organizzazione.

L’importanza dei punteggi CVE e CVSS

Anche se i punteggi CVE e CVSS non sono perfetti, attualmente sono tra le migliori valutazioni da utilizzare per le vulnerabilità. Consentono ai team IT di classificare, assegnare priorità e creare ordine quando si tratta di vulnerabilità fastidiose. Inoltre, i team IT possono fare affidamento su entrambi i punteggi CVE e CVSS per ottenere maggiori informazioni sulle debolezze della sicurezza e creare un piano per risolverle.

Limitazioni dei punteggi CVE e CVSS

Sebbene alcune organizzazioni sostengano che i punteggi CVE e CVSS siano eccessivamente utilizzati e sopravvalutati nello spazio della sicurezza informatica, attualmente sono le migliori valutazioni disponibili per le vulnerabilità. Detto questo, presentano alcune limitazioni, come illustrato di seguito:

Limitazioni del CVSS

  • Misura in modo impreciso il rischio

Purtroppo, i punteggi CVSS assegnati alle vulnerabilità non sempre misurano il rischio in modo accurato. Ad esempio, le vulnerabilità con punteggio 7.0 o superiore sono considerate le minacce più gravi e devono essere gestite prima delle altre. Tuttavia, sono le minacce con punteggio 6,5 meno pericolose di quelle con punteggio 7,0? A volte, la vulnerabilità 6.5 finisce per causare più problemi della vulnerabilità 7.0.

  • Rimane invariato e non aggiornato

Una volta assegnato un punteggio CVSS ad una vulnerabilità, di solito non viene mai modificato o aggiornato. Questo punteggio statico non tiene conto di eventuali cambiamenti o nuove informazioni.

  • Omette il contesto necessario

Poiché il punteggio CVSS è semplicemente un numero, non fornisce alcun contesto o informazione aggiuntiva su una vulnerabilità. Per questo motivo, è difficile determinare in che modo una vulnerabilità possa effettivamente influire su un sistema di sicurezza.

Limitazioni del CVE

  • Manca di informazioni critiche

Anche se il CVE fornisca alcune informazioni su una vulnerabilità, non è sufficiente per consentire ad un team di sicurezza informatica di risolvere il problema. Kenna Security spiega questo problema affermando: “I record CVE, ad esempio, generalmente mancano di informazioni chiave come i codici di exploit, le correzioni, gli obiettivi più comuni, il malware conosciuto, i dettagli sull’esecuzione di codice remoto, ecc. Per trovarli, il personale di sicurezza deve fare un ulteriore lavoro di ricerca. (I record CVE spesso rimandano ai siti dei venditori e ad altre risorse, che a loro volta possono includere link a patch e consigli per la correzione. Ma si tratta di un processo manuale, di caccia e di recupero, che può risultare eccessivo per i team di sicurezza che si trovano di fronte a un elenco di centinaia, o addirittura migliaia, di cosiddette vulnerabilità critiche.”

  • Ignora le minacce per il software patchato

Il CVE si concentra solo sulle vulnerabilità del software non patchato, ignorando i rischi o le minacce che colpiscono il software patchato. Il fatto che al software siano state applicate delle patch non vuol dire che sia completamente al sicuro da vulnerabilità e minacce.

  • Non riesce sempre a fornire una soluzione

Sebbene sia opinione comune che il CVE offra correzioni per le vulnerabilità, non è sempre così. Il CVE a volte fornisce soluzioni o fix per le vulnerabilità, ma non il 100% delle volte.

Rafforza la tua sicurezza informatica con NinjaOne

L’applicazione di patch e la gestione delle vulnerabilità non è un compito facile. Ecco perché NinjaOne offre una soluzione di patch management che automatizza i processi di patching da un pannello unico centralizzato. Con NinjaOne è possibile minimizzare i costi, ridurre la complessità, risparmiare tempo e rimediare rapidamente alle vulnerabilità. Contatta NinjaOne oggi stesso per saperne di più e iniziare la tua prova gratuita.CV

Passi successivi

Per gli MSP, la scelta dell’RMM è fondamentale per il successo aziendale. Lo scopo principale di un RMM è di fornire automazione, efficienza e scalabilità in modo che l’MSP possa crescere con profitto. NinjaOne è stato classificato al primo posto nella categoria degli RMM per più di 3 anni consecutivi grazie alla nostra capacità di offrire agli MSP di ogni dimensione una piattaforma veloce, potente e facile da usare.
Per saperne di più su NinjaOne, fai un tour dal vivo o inizia la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.

Termini e condizioni NinjaOne

Cliccando sul pulsante “Accetto” qui sotto, dichiari di accettare i seguenti termini legali e le nostre condizioni d’uso:

  • Diritti di proprietà: NinjaOne possiede e continuerà a possedere tutti i diritti, i titoli e gli interessi relativi allo script (compreso il copyright). NinjaOne ti concede una licenza limitata per l’utilizzo dello script in conformità con i presenti termini legali.
  • Limitazione d’uso: Puoi utilizzare lo script solo per legittimi scopi personali o aziendali interni e non puoi condividere lo script con altri soggetti.
  • Divieto di ripubblicazione: In nessun caso ti è consentito ripubblicare lo script in una libreria di script appartenente o sotto il controllo di un altro fornitore di software.
  • Esclusione di garanzia: Lo script viene fornito “così com’è” e “come disponibile”, senza garanzie di alcun tipo. NinjaOne non promette né garantisce che lo script sia privo di difetti o che soddisfi le tue esigenze o aspettative specifiche.
  • Assunzione del rischio: L’uso che farai dello script è da intendersi a tuo rischio. Riconosci che l’utilizzo dello script comporta alcuni rischi intrinseci, che comprendi e sei pronto ad assumerti.
  • Rinuncia e liberatoria: Non riterrai NinjaOne responsabile di eventuali conseguenze negative o indesiderate derivanti dall’uso dello script e rinuncerai a qualsiasi diritto legale o di equità e a qualsiasi rivalsa nei confronti di NinjaOne in relazione all’uso dello script.
  • EULA: Se sei un cliente NinjaOne, l’uso dello script è soggetto al Contratto di licenza con l’utente finale (EULA) applicabile.