Come proteggere i dispositivi IoT: Le 5 best practice

costo del software SSO

I dispositivi dell’Internet degli oggetti (IoT), dispositivi informatici che inviano e ricevono informazioni via Internet e che eseguono applicazioni molto specifiche, possono essere qualsiasi cosa, dai termostati intelligenti alle smart TV. Il vantaggio principale dei dispositivi IoT è la loro costante connettività, che consente agli utenti di accedere alle informazioni e controllare i dispositivi da remoto in qualsiasi momento.

Sebbene molti individui e organizzazioni stiano adottando dispositivi IoT in numero crescente, non tutti hanno protetto adeguatamente tali dispositivi. Alcuni utenti lasciano le credenziali predefinite sui propri dispositivi, scelta che li rende aperti agli attacchi, mentre altri non monitorano i propri dispositivi o le proprie reti, il che potrebbe consentire agli aggressori di muoversi senza essere individuati. Scopri di più su come proteggere i dispositivi IOT, incluso 5 best practice fondamentali. 

Introduzione alla sicurezza dei dispositivi IoT

L’accesso remoto e l’interconnessione semplificano la vita degli utenti, ma purtroppo creano anche opportunità per i malintenzionati che cercano di rubare i tuoi dati privati. Per mettersi in sicurezza dal furto di dati, dalla compromissione della rete e dalle perdite finanziarie è molto importante proteggere i dispositivi IoT in modo adeguato dalle minacce e dagli attacchi informatici. Sebbene i dispositivi IoT siano comodi perché interconnessi su reti locali, il loro utilizzo può essere rischioso, soprattutto se non si seguono tutte le pratiche di sicurezza consigliate. 

Alcune delle potenziali vulnerabilità associate ai dispositivi IoT includono punti deboli dovuti a patch e aggiornamenti incoerenti, credenziali deboli o predefinite e reti poco protette. Molti proprietari di dispositivi IoT configurano i loro dispositivi e poi se ne dimenticano, mantenendo spesso il nome utente e la password predefiniti (che possono essere facilmente reperiti sul dark web) e trascurando di prendere precauzioni di sicurezza. Ciò rende l’ambiente IT vulnerabile agli attacchi.

5 best practice per proteggere i dispositivi IoT

Per ridurre il rischio di attacchi, segui questi cinque passi e best practice per proteggere i dispositivi IoT:

1) Utilizza password e autenticazione forti

La modifica delle credenziali predefinite è il primo passo più importante per proteggere i dispositivi IoT. Tuttavia, cambiare la password con qualcosa di semplice e facile non è una buona soluzione. Assicurati invece di utilizzare password uniche e forti per i dispositivi IoT. Evita di riutilizzare le password su tutti i dispositivi e assicurati che qualsiasi soluzione di archiviazione delle password sia crittografata e sicura. Inoltre, considera l’implementazione dell’autenticazione a più fattori (MFA) per una maggiore sicurezza, ove possibile. Non rispondere mai a richieste di MFA che non sono state avviate da te. 

2) Gestisci con cura l’inventario dei dispositivi

L’individuazione di dispositivi e l’inventario miglioreranno anche la tua sicurezza. Conoscere tutti i dispositivi IoT connessi alla rete significa essere in grado di proteggere tutti i dispositivi connessi (cosa difficile da realizzare se non si dispone di un modo per identificare ogni dispositivo da proteggere). Ogni dispositivo non protetto è un potenziale vettore di attacco, quindi è importante utilizzare le best practice di sicurezza su ogni dispositivo connesso alla rete.

Anche se molte persone faticano a gestire il gran numero di dispositivi IoT presenti nei loro ambienti, è possibile rimanere un passo avanti agli aggressori utilizzando strumenti automatizzati per l’individuazione dei dispositivi e mantenendo un inventario con un sistema di gestione dei dispositivi. NinjaOne offre una soluzione di monitoraggio della rete che tiene traccia e monitora tutti i dispositivi IoT, nonché altre apparecchiature di rete come router e switch.  

3) Isola i dispositivi IoT dai sistemi e dai dati importanti

La segmentazione della rete divide una rete in reti più piccole per gestire meglio il traffico o per migliorare la sicurezza. Per proteggere i dispositivi IoT, la segmentazione della rete contribuisce a isolare i dispositivi IoT dai sistemi e dai dati fondamentali. In sostanza, si tratta di un isolamento che impedisce alle informazioni di trapelare e ai malintenzionati di accedere a tutti i dispositivi, in modo che, anche se gli aggressori si infiltrano nella rete, siano limitati a quella specifica sottorete anziché consentire l’accesso all’intera rete.

La presenza di sottoreti offre inoltre un maggiore controllo e capacità di monitoraggio. È possibile identificare più facilmente chi accede alla rete e isolare il nuovo dispositivo o utente. È una buona idea seguire protocolli zero-trust nella segmentazione della rete, il che significa che tutti i nuovi dispositivi vengono immediatamente messi in quarantena e non possono connettersi ad altri fino a quando non vengono esaminati. Infine, è possibile utilizzare le sottoreti per limitare l’accesso dei dispositivi IoT a internet e ridurre o eliminare il traffico in uscita. 

4) Applica regolarmente patch e aggiornamenti ai dispositivi IoT

È importante che i professionisti IT riconoscano il ruolo del patching e degli aggiornamenti regolari per proteggere i dispositivi IoT. Come tutti gli altri dispositivi, anche quelli IoT utilizzano un software per svolgere le varie funzioni, che deve essere aggiornato costantemente per evitare che gli aggressori sfruttino le vulnerabilità note. Molte delle applicazioni disponibili sono costruite su software open-source, il che significa che gli aggressori potrebbero studiare il modo di infiltrarsi nella tua rete molto prima di fare il tentativo. Quindi, se ci sono vulnerabilità conosciute, è una buona idea applicare patch il prima possibile, soprattutto a quelle etichettate come critiche o ad alto rischio. 

È importante anche stabilire un processo efficiente di patch management per proteggere i dispositivi IoT. Può essere difficile tenere il passo con tutti gli aggiornamenti necessari per ogni dispositivo IoT che si connette alla rete, quindi potrebbe essere utile l’implementazione di una soluzione di gestione e monitoraggio remoto (RMM) che possa facilitare i tuoi sforzi. Le soluzioni RMM consentono di programmare aggiornamenti e patch e di inviarli automaticamente a tutti i dispositivi interessati, riducendo il carico di lavoro e consentendo al team di migliorare notevolmente la propria efficienza. Inoltre, migliora la velocità complessiva di risoluzione delle vulnerabilità, il che significa che sarai in grado di applicare le patch ad un numero maggiore di vulnerabilità rispetto a quelle che avresti applicato manualmente. 

5) Elimina i dispositivi IoT inutilizzati

Se non utilizzi uno dei tuoi dispositivi IoT, non sia tentato di lasciarlo nel proprio ambiente. Qualsiasi dispositivo ancora connesso ma non mantenuto rappresenta un potenziale rischio per la sicurezza. Probabilmente non monitorerai o applicherai patch su un dispositivo a cui non stai pensando, il che significa che gli aggressori che tentano di accedervi possono sfruttarlo con relativa facilità. Per proteggere gli altri dispositivi, elimina questi potenziali vettori di attacco estranei. 

Implementazione delle best practice per proteggere i dispositivi IoT

Ci sono alcuni passi fondamentali da compiere per implementare tali best practice. Utilizza metodi di crittografia come AES o DES per proteggere i dati trasmessi dai dispositivi IoT. Implementa strategie di protezione dei dati, tra cui antivirus, monitoraggio automatico, soluzioni di visibilità dei dati e password forti con autenticazione a più fattori per salvaguardare le informazioni sensibili.

SNMP (Simple Network Management Protocol) è uno strumento utile per proteggere i dispositivi IoT. SNMP è un protocollo che raccoglie informazioni e gestisce i dispositivi di una rete in modo che siano protetti da accessi non autorizzati. Per gestire in modo efficiente la rete con SNMP, tuttavia, si consiglia di utilizzare strumenti o soluzioni di monitoraggio e gestione. 

Le soluzioni SNMP forniscono una piattaforma centrale per il monitoraggio di tutti i dispositivi connessi alla rete, consentendo di controllare il traffico, gli accessi e le attività. È inoltre possibile tenere sotto controllo le prestazioni dell’hardware e impostare avvisi personalizzati per informare l’utente di attività insolite. Inoltre, una soluzione SNMP di alta qualità come NinjaOne può anche scoprire nuovi dispositivi e classificarli in base alle credenziali di autenticazione. 

Rimani proattivo con la sicurezza IoT

Proteggere i dispositivi IoT è un compito arduo, ma seguendo le cinque best practice di sicurezza è possibile aumentare le probabilità di successo. Assicurati di utilizzare password forti, autenticazione a più fattori e crittografia per i tuoi dispositivi e applicazioni. Gestisci sia i dispositivi attivi che quelli inattivi, assicurandoti di applicare sempre le patch a quelli che utilizzi e di scollegare quelli che non utilizzi. Infine, segmenta la rete per ridurre al minimo l’interconnettività dell’intero ambiente. Un dispositivo isolato è un dispositivo meno pericoloso.

Rimanere proattivi e vigili è imperativo per proteggere i dispositivi IoT. Qualsiasi misura preventiva adottata sarà di gran lunga più preziosa per l’integrità dell’organizzazione e la sua capacità di superare le intrusioni degli aggressori rispetto agli sforzi di ripristino successivi al disastro. L’implementazione di soluzioni SNMP per il monitoraggio della rete e l’avviso di potenziali problemi può aiutarti a mantenere la sicurezza, soprattutto se fanno parte di una strategia di gestione e monitoraggio più ampia con funzionalità di patching remoto e gestione dei dispositivi. Con la soluzione di monitoraggio e gestione SNMP di NinjaOne è possibile gestire e monitorare qualsiasi dispositivo IoT abilitato SNMP. Inizia la tua prova gratuita di NinjaOne per scoprire quanto sia facile e veloce la gestione dei dispositivi IoT.

Passi successivi

Le basi della sicurezza dei dispositivi sono fondamentali per lo stato della tua sicurezza complessiva. NinjaOne semplifica l’applicazione di patch, l’hardening, la protezione ed il backup di tutti i dispositivi in modo centralizzato, da remoto e anche su larga scala.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.
Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Inviando questo modulo, accetto La politica sulla privacy di NinjaOne.

Termini e condizioni NinjaOne

Cliccando sul pulsante “Accetto” qui sotto, dichiari di accettare i seguenti termini legali e le nostre condizioni d’uso:

  • Diritti di proprietà: NinjaOne possiede e continuerà a possedere tutti i diritti, i titoli e gli interessi relativi allo script (compreso il copyright). NinjaOne ti concede una licenza limitata per l’utilizzo dello script in conformità con i presenti termini legali.
  • Limitazione d’uso: Puoi utilizzare lo script solo per legittimi scopi personali o aziendali interni e non puoi condividere lo script con altri soggetti.
  • Divieto di ripubblicazione: In nessun caso ti è consentito ripubblicare lo script in una libreria di script appartenente o sotto il controllo di un altro fornitore di software.
  • Esclusione di garanzia: Lo script viene fornito “così com’è” e “come disponibile”, senza garanzie di alcun tipo. NinjaOne non promette né garantisce che lo script sia privo di difetti o che soddisfi le tue esigenze o aspettative specifiche.
  • Assunzione del rischio: L’uso che farai dello script è da intendersi a tuo rischio. Riconosci che l’utilizzo dello script comporta alcuni rischi intrinseci, che comprendi e sei pronto ad assumerti.
  • Rinuncia e liberatoria: Non riterrai NinjaOne responsabile di eventuali conseguenze negative o indesiderate derivanti dall’uso dello script e rinuncerai a qualsiasi diritto legale o di equità e a qualsiasi rivalsa nei confronti di NinjaOne in relazione all’uso dello script.
  • EULA: Se sei un cliente NinjaOne, l’uso dello script è soggetto al Contratto di licenza con l’utente finale (EULA) applicabile.