Come convertire i clienti da Break/Fix a servizi gestiti: Cose da fare e non fare

come convertire i clienti da break/fix a servizi gestiti Nota: Quello che segue è un estratto del Kit di transizione da Break/Fix a servizi gestiti, che include un piano d’azione in 4 fasi per passare da break/fix a servizi gestiti, oltre a modelli e strumenti extra da utilizzare per iniziare subito.

La transizione della tua azienda IT da un modello break/fix a uno di servizi gestiti non è un’impresa da poco. Spesso si tratta di rinnovare completamente il modo in cui tu e i tuoi tecnici lavorate e di prendere una serie di decisioni importanti…

Ognuna di queste domande richiede un’attenta riflessione e una serie di considerazioni. Rispondere a queste domande ti preparerà al cambiamento, ma come ti dovrai comportare con i tuoi clienti attuali?

A meno che tu non stia ricominciando completamente da zero, dovrai trovare un modo per far salire a bordo i clienti esistenti.

Ricordati che il passaggio dal modello “break/fix” a cui sono abituati non è sempre facile nemmeno per loro. La buona notizia è che se hai coltivato con loro un buon rapporto e posto le basi adeguate, potresti rimanere sorpreso. Alcuni potrebbero non battere ciglio.

Alcuni clienti saranno più ricettivi di altri e la maturità tecnica sarà probabilmente uno dei principali indicatori. Abbiamo creato un modulo di valutazione dei clienti dei servizi gestiti (di seguito) che potrai utilizzare per suddividere i tuoi clienti in segmenti e assegnare loro una priorità in base a quanto probabilmente sono disposti a cambiare. modulo di valutazione dei servizi gestiti

Clicca qui per scaricare una versione in PDF

Una volta individuati alcuni candidati ideali, è bene iniziare a parlare con loro per primi. Se la loro crescita è rapida o se sono attivamente impegnati in un progetto, questa può essere un’occasione naturale per far loro sapere che hai una nuova offerta che si adatta meglio alle loro esigenze in evoluzione.

Se presenti la nuova offerta come un cambiamento definitivo all’interno del servizio, anziché come una nuova opzione, avrai maggiori probabilità di convincere i clienti.

Gestione delle obiezioni

Tieniti pronto a rispondere alle obiezioni prevedibili, compresa quella che Karl Palacuk definisce “l’obiezione killer”: “Stiamo già ottenendo ciò che ci serve in questo momento.” Secondo Palachuk, la risposta migliore non è sostenere che non sia così, ma piuttosto sottolineare ciò che rende la tua nuova offerta così diversa da quella attuale.

I clienti più piccoli, in particolare, potrebbero essere riluttanti all’idea di pagare un compenso fisso, a prescindere dal fatto che sia in definitiva paragonabile all’importo che ti hanno pagato fino a quel momento per gli interventi break/fix. In questo caso, la chiave è mostrare loro le fatture passate e ricordare i tempi di inattività o i disagi subiti durante la risoluzione dei problemi. Spiega loro che, in base al nuovo accordo, tutto quel lavoro sarebbe stato coperto. Niente più grandi fatture impreviste per lavori di emergenza. Al contrario, fagli capire che potranno contare sulla tranquillità di sapere che i problemi saranno prevenuti e affrontati immediatamente e che i loro pagamenti saranno più piccoli, coerenti e distribuiti nel tempo.

Poi mostra loro un elenco di tutte le altre cose fantastiche che otterranno con il nuovo accordo.

Come incentivo, puoi considerare di offrire una prova di 60 o 90 giorni del pacchetto di servizi, dopo la quale i clienti potranno tirarsi indietro se non ne riconosceranno il valore.

Cosa fare con i clienti che non vogliono passare da break/fix a servizi gestiti

Anche se hai preparato bene le basi e sei stato convincente nella tua presentazione, potresti avere alcuni clienti che si rifiutano di cambiare.

Inoltre, dovrai decidere quali opzioni lasciare a disposizione dei clienti che scelgono di non effettuare la transizione da break/fix a servizi gestiti. Per quanto possa essere difficile, l’approccio consigliato da molti MSP di successo è quello di mostrare loro la porta.

Esempio: Questo MSP ha licenziato clienti che rappresentavano il 25% del fatturato della sua azienda e ha un solo rimpianto: non averlo fatto prima.

Licenziare i clienti può sembrare drastico, ma tieni presente che i clienti che più probabilmente si opporranno ai servizi gestiti sono i clienti problematici che occupano una quantità sproporzionata di tempo e risorse e che ti portano pochi ricavi. Mantenere un piede nel modello break/fix solo per sostenerli non è una posizione in cui ti vuoi trovare.

Il modo più semplice per tagliare i ponti con i clienti problematici è far sapere loro che stai richiedendo a tutti i clienti che assisti di firmare un accordo sul livello di servizio (SLA). Non sono obbligati a firmare, ma se non lo fanno non sarai più in grado di assisterli.

Se hai buoni clienti che, per qualsiasi motivo, non sono pronti a cambiare, un’altra opzione è quella di mantenerli, aumentando le loro tariffe e indirizzandoli verso la fatturazione a tempo come passaggio intermedio. Tieni presente che gli MSP più performanti sono arrivati a essere tali standardizzando la loro offerta, mantenendone il valore e rifiutando le opportunità che non ritenevano adatte a loro. Meno tempo dedicherai ai clienti break/fix, più tempo potrai dedicare all’acquisizione e al supporto di clienti, più redditizi, di servizi gestiti.

In sintesi: Le principali cose da fare e non fare

  • FARE una valutazione dei tuoi clienti attuali. Identifica e dai priorità a quelli che hanno maggiori probabilità di voler cambiare.
  • NON FARE sì che la timidezza ti ostacoli, e getta le basi per tempo. Indica le attività che saranno coperte dal nuovo contratto e tieni d’occhio quanto costa ai clienti il modello break/fix.
  • FARE in modo di essere preparato alle obiezioni più comuni. Una delle principali è: “Stiamo già ottenendo ciò di cui abbiamo bisogno”
  • NON FARE in modo che la paura di perdere i clienti problematici ti blocchi. Se non vogliono fare il cambio, questo è già un motivo per separarsi.
  • FARE in modo di concedere un periodo di prova, o almeno di prendere in considerazione l’idea. Ma resta fermo sul fatto che questo è un cambiamento per il quale ti sei impegnato e cerca di far capire che anche i clienti dovranno impegnarsi nella stessa direzione.

 

Il prossimo passo: Scarica la nostra guida gratuita

Cerchi altri consigli pratici sulla fornitura di servizi gestiti? Scopri il nostro kit di transizione da Break/Fix a servizi gestiti. Fornisce un piano d’azione in 4 fasi che puoi seguire, oltre ad alcuni modelli/strumenti aggiuntivi che possono facilitarti per iniziare.

 

Passi successivi

La creazione di un team IT efficiente ed efficace richiede una soluzione centralizzata che funga da principale strumento per la fornitura di servizi. NinjaOne consente ai team IT di monitorare, gestire, proteggere e supportare tutti i dispositivi, ovunque essi si trovino, senza la necessità di una complessa infrastruttura locale.

Per saperne di più su NinjaOne Endpoint Management, fai un tour dal vivo, o inizia la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.
Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Inviando questo modulo, accetto La politica sulla privacy di NinjaOne.

Termini e condizioni NinjaOne

Cliccando sul pulsante “Accetto” qui sotto, dichiari di accettare i seguenti termini legali e le nostre condizioni d’uso:

  • Diritti di proprietà: NinjaOne possiede e continuerà a possedere tutti i diritti, i titoli e gli interessi relativi allo script (compreso il copyright). NinjaOne ti concede una licenza limitata per l’utilizzo dello script in conformità con i presenti termini legali.
  • Limitazione d’uso: Puoi utilizzare lo script solo per legittimi scopi personali o aziendali interni e non puoi condividere lo script con altri soggetti.
  • Divieto di ripubblicazione: In nessun caso ti è consentito ripubblicare lo script in una libreria di script appartenente o sotto il controllo di un altro fornitore di software.
  • Esclusione di garanzia: Lo script viene fornito “così com’è” e “come disponibile”, senza garanzie di alcun tipo. NinjaOne non promette né garantisce che lo script sia privo di difetti o che soddisfi le tue esigenze o aspettative specifiche.
  • Assunzione del rischio: L’uso che farai dello script è da intendersi a tuo rischio. Riconosci che l’utilizzo dello script comporta alcuni rischi intrinseci, che comprendi e sei pronto ad assumerti.
  • Rinuncia e liberatoria: Non riterrai NinjaOne responsabile di eventuali conseguenze negative o indesiderate derivanti dall’uso dello script e rinuncerai a qualsiasi diritto legale o di equità e a qualsiasi rivalsa nei confronti di NinjaOne in relazione all’uso dello script.
  • EULA: Se sei un cliente NinjaOne, l’uso dello script è soggetto al Contratto di licenza con l’utente finale (EULA) applicabile.