Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Che cos’è una whitelist delle applicazioni?

Il mondo digitale è un vasto panorama pieno di applicazioni e software. Se alcune di queste sono utili, altre possono rappresentare una minaccia per la sicurezza. Per garantire la sicurezza del sistema, è necessario adottare misure rigorose. Una di queste misure precauzionali è la whitelist delle applicazioni.

Che cos’è la whitelist delle applicazioni?

La whitelist delle applicazioni si riferisce alla pratica di specificare un elenco di applicazioni software approvate che possono essere presenti e attive in un sistema informatico. L’obiettivo di una whitelist delle applicazioni è proteggere i computer e le reti da applicazioni potenzialmente dannose.

Importanza della whitelist delle applicazioni

  • Prevenzione delle applicazioni non autorizzate: Una whitelist aiuta a bloccare tutte le applicazioni non autorizzate che potrebbero potenzialmente danneggiare il computer o il sistema di rete.
  • Ridurre la vulnerabilità: Solo le applicazioni approvate possono essere eseguite, riducendo così al minimo la vulnerabilità del sistema al software dannoso.
  • Controllo migliorato: Controlla le app e i programmi che gli utenti possono installare ed eseguire, garantendo che utilizzino solo software sicuro e approvato.
  • Standard di conformità: Molti settori hanno normative che richiedono determinati standard di conformità, tra cui la whitelist delle applicazioni, per garantire la sicurezza e la protezione dei loro sistemi IT.
  • Riduzione dell’impatto degli attacchi: Nel caso di un attacco informatico, l’impatto è notevolmente ridotto poiché la minaccia è limitata al solo software attaccato e non può diffondersi attraverso programmi non approvati.

Come funziona la whitelist delle applicazioni

La whitelist delle applicazioni si basa sul principio “autorizza solo alcune applicazioni e nega l’autorizzazione a tutte le altre”. Ciò significa che, per impostazione predefinita, tutte le applicazioni sono considerate non affidabili, a meno che non siano esplicitamente incluse nella whitelist. Il processo inserimento in whitelist delle applicazioni prevede diverse fasi:

  1. Identificare le applicazioni affidabili: Il primo passo dell’inserimento in whitelist delle applicazioni consiste nell’identificare le applicazioni affidabili necessarie per le operazioni aziendali. Questo elenco varia a seconda delle organizzazioni, in base alle loro specifiche esigenze e funzioni.
  2. Creare la whitelist: Una volta identificate le applicazioni affidabili, queste vengono aggiunte alla whitelist. Si tratta di un elenco di software approvati che possono essere eseguiti sul sistema informatico.
  3. Applicare i criteri alla whitelist: La whitelist viene quindi organizzata attraverso dei criteri di restrizione del software che controllano quali applicazioni gli utenti possono installare ed eseguire sui loro sistemi.
  4. Monitorare e aggiornare la whitelist: La whitelist non è statica. Richiede aggiornamenti e revisioni regolari per aggiungere nuove applicazioni affidabili, rimuovere quelle obsolete e rispondere all’evoluzione delle minacce alla sicurezza.

Seguendo questi passaggi, una whitelist delle applicazioni può migliorare in modo significativo la sicurezza e il controllo di un sistema informatico, ed è quindi un componente essenziale di una strategia di cybersecurity completa.

Whitelist e blacklist delle applicazioni

Sebbene sia la whitelist che la blacklist mirino a proteggere i sistemi dalle applicazioni dannose, il loro approccio è diverso. Una blacklist comporta il blocco di applicazioni note come dannose, mentre una whitelist consente l’esecuzione solo di applicazioni approvate. Mentre la blacklist è reattiva e affronta le minacce man mano che si presentano, la whitelist è proattiva e impedisce l’esecuzione di qualsiasi applicazione non approvata.

Controllo delle applicazioni o whitelist delle applicazioni?

Il controllo delle applicazioni è un concetto più ampio che non comprende solo l’uso di una whitelist ma anche altre tecniche come l’utilizzo di blacklist e greylist. Fornisce un controllo più completo sulle applicazioni, consentendo a gruppi di utenti specifici di accedere a determinate applicazioni e negando la possibilità di accedere ad altre.

Il ruolo della whitelist delle applicazioni nella cybersecurity

La whitelist delle applicazioni è una misura essenziale di cybersecurity che aiuta a proteggere i sistemi da potenziali minacce. Si tratta di un approccio proattivo che impedisce l’esecuzione di applicazioni non autorizzate su un sistema. Pur essendo una parte del concetto più ampio di controllo delle applicazioni, la sua importanza nel garantire la sicurezza del sistema non può essere sottovalutata. Con l’aumento delle minacce informatiche, la comprensione e l’implementazione di una whitelist delle applicazioni può salvare le organizzazioni da potenziali violazioni e perdite di dati.

 

Passi successivi

La creazione di un team IT efficiente ed efficace richiede una soluzione centralizzata che funga da principale strumento per la fornitura di servizi. NinjaOne consente ai team IT di monitorare, gestire, proteggere e supportare tutti i dispositivi, ovunque essi si trovino, senza la necessità di una complessa infrastruttura locale.

Per saperne di più su NinjaOne Endpoint Management, fai un tour dal vivo, o inizia la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

You might also like

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.