Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Inviando questo modulo, accetto La politica sulla privacy di NinjaOne.

Monitoraggio dei server e avvisi

homme avec écran ordinateur - NinjaOne

Il monitoraggio dei server e dell’infrastruttura IT è fondamentale per garantire le prestazioni e la longevità dei sistemi dei clienti. La tecnologia di monitoraggio remoto, in particolare, ha contribuito a definire l’intero settore IT moderno.

In questo post vedremo alcuni dei principali concetti di monitoraggio, tra cui metriche, avvisi e monitoraggio, e vedremo perché sono importanti. Verranno quindi illustrate le migliori pratiche di monitoraggio IT e avviso, nonché le modalità di scelta del software per il monitoraggio e la reportistica dei server.

Questo articolo tratterà i seguenti argomenti:

Il monitoraggio dei server consente ai professionisti IT di monitorare le prestazioni, lo stato di salute e i dati di stato di un server, ad esempio: Carico della CPU, utilizzo della memoria, processi attivi e livelli di spazio su disco. Il monitoraggio è in genere legato a un sistema di avvisi che notifica al personale chiave il verificarsi di eventi critici o il raggiungimento di soglie specifiche. Questa segnalazione in tempo reale consente agli amministratori di sistema di porre rimedio alla situazione e di evitare rapidamente il verificarsi di ulteriori problemi.

Che cosa sono il monitoraggio dei server e gli avvisi?

Gli elementi chiave di un sistema di monitoraggio remoto sono le metriche, il monitoraggio e gli avvisi. Le metriche sono semplicemente i dati necessari per misurare e monitorare le prestazioni, la salute e la disponibilità dei server.

Il monitoraggio è l’aspetto associato che consente ai professionisti dell’IT di leggere e interpretare questi dati in entrata per capire come funzionano le applicazioni e i sistemi. Il monitoraggio prevede la raccolta, l’aggregazione e l’analisi delle metriche in modo significativo.

Il sistema di avvisi si basa su questi altri due elementi. Ogni volta che le metriche specificate soddisfano le condizioni in un modo definito, l’elemento di monitoraggio invia notifiche a persone designate in modo che possano rintracciare e risolvere eventuali problemi.

Qual è lo scopo del monitoraggio dei server?

Un sistema di monitoraggio dei server consente di raccogliere, archiviare e visualizzare metriche, eventi, registri e tracce in tempo reale, consentendo di vedere un quadro generale di ciò che accade nell’infrastruttura.

La maggior parte delle soluzioni di monitoraggio consente agli utenti di aggregare o analizzare i dati attuali e storici che sono stati conservati o archiviati. La capacità di analizzare i dati su periodi di tempo più lunghi fornisce una visione preziosa che si può ottenere solo quando è possibile esaminare il quadro generale e vedere le tendenze nel tempo. Le migliori soluzioni di monitoraggio offrono visualizzazione e reportistica personalizzata dei dati, permettendo di creare grafici e diagrammi robusti che rendono ancora più semplice la comprensione delle metriche chiave. Tali sistemi offrono inoltre ai sysadmin la possibilità di correlare i dati provenienti da diversi input e di monitorare il rapporto tra le varie risorse in diversi ambienti o gruppi di server.

Inoltre, uno dei vantaggi più importanti del monitoraggio dei server è rappresentato dagli avvisi.

Può essere difficile, a volte quasi impossibile, misurare le prestazioni a tutti i livelli dell’implementazione, compresi i componenti, le applicazioni e i servizi. Questo è ancora più vero per i fornitori di servizi IT gestiti che sono responsabili del monitoraggio e della gestione degli ambienti IT di numerosi clienti. Oltre alla visibilità ottenuta centralizzando il monitoraggio delle applicazioni e dell’infrastruttura, la gestione e l’analisi dei log, il tracciamento, il monitoraggio dell’utente reale e sintetico, le migliori soluzioni di monitoraggio forniranno avvisi tempestivi che garantiranno anche ai piccoli team IT di rimanere al passo con i grandi ecosistemi tecnologici.

Quali metriche del server devono essere monitorate e segnalate?

Sappiamo che le metriche sono i dati grezzi sull’utilizzo delle risorse, sul comportamento o sulle prestazioni che il sistema di monitoraggio raccoglie all’interno dell’infrastruttura. Queste metriche possono essere inserite nella soluzione di monitoraggio tramite agenti installati o tramite un sistema agentless. Possono anche essere raccolti direttamente dal sistema operativo o da un’app.

Le metriche del sistema operativo di solito includono informazioni di base sulle risorse, come la CPU, l’utilizzo della RAM e lo spazio su disco. Si tratta di dati prontamente disponibili che possono essere inviati facilmente al sistema di monitoraggio.

Altri componenti, hardware e applicazioni personalizzate richiedono integrazioni, agenti o altri mezzi per trasferire i dati rilevanti. A questo puinto si devono installare codici o agenti per interfacciarsi con lo strumento di monitoraggio.

Indipendentemente dal modo in cui vengono raccolti i dati, è importante sapere quali dati, oltre all’utilizzo delle risorse di base, devono essere monitorati e riferiti. Anche se ogni caso d’uso varia, ci sono alcuni elementi di base che devono sempre essere presi in considerazione.

Eventi

Molti sistemi di monitoraggio sono in grado di catturare anche gli eventi che di solito vengono generati e raccolti nel momento in cui si verificano. I dati degli eventi inseriti in uno strumento di monitoraggio forniscono in genere una panoramica di ciò che è accaduto, dove e quando. Se esaminati insieme ad altre metriche, i professionisti IT possono individuare più facilmente la causa principale di un problema.

Log

In genere non è possibile risolvere i problemi solo con le metriche. I log o registri colmano le lacune informative fornendo informazioni su ciò che le applicazioni, i servizi e persino gli utenti hanno fatto all’interno dell’ambiente IT. In sostanza, i registri sono una “traccia cartacea” degli eventi che mostra l’attività e sono estremamente preziosi per la risoluzione dei problemi. Come si può immaginare, i dati di registro di tutto il traffico di rete possono accumularsi abbastanza rapidamente e spesso è impossibile monitorarli manualmente. Per questo motivo, le soluzioni di monitoraggio e reportistica in genere consentono di configurare avvisi per attività di registro specifiche, analogamente a come gli eventi e le metriche possono attivare notifiche tempestive.

Perché il monitoraggio e la reportistica sono importanti?

I professionisti IT scoprono che il monitoraggio dei server e gli avvisi offrono molti vantaggi.

Come accennato in precedenza, anche semplici metriche aiutano gli amministratori di sistema ad accedere in remoto e a comprendere lo stato attuale della loro infrastruttura e delle loro applicazioni. Le regole dgli avvisi e delle notifiche rendono il tutto ancora più vantaggioso.

Forse il vantaggio più evidente è l’aggregazione di grandi quantità di dati preziosi in un unico dashboard, soprattutto quando lo strumento di monitoraggio fornisce un mezzo centralizzato e multitenant per monitorare numerosi sistemi eterogenei.

Oltre a facilitare questo tipo di monitoraggio su larga scala tra diversi client o ambienti, i vantaggi includono:

  1. Notifica quando c’è o potrebbe esserci un problema con il server.

In linea di massima, la funzione più critica del monitoraggio dei server è l’avviso remoto in tempo reale di potenziali problemi che minacciano la stabilità dell’ambiente IT. Tali avvisi consentono ai professionisti IT di porre rapidamente rimedio a situazioni potenzialmente pericolose per mantenere il server in funzione. Questi dati consentono un approccio molto più proattivo alla gestione dell’IT.

  1. Fornire una chiara panoramica di tutti i sistemi

Con le configurazioni di server e reti più grandi, è difficile tenere sotto controllo ogni aspetto importante, soprattutto quando si trovano fisicamente in luoghi diversi. Il monitoraggio remoto dei server consente ai professionisti IT di avere una panoramica dettagliata di tutti i sistemi attraverso una dashboard unificata. Senza questa funzionalità, il settore IT difficilmente sarebbe in grado di fornire un’assistenza clienti all’altezza degli standard moderni.

  1. Fornire un processo decisionale più intelligente con i dati storici

Le soluzioni di monitoraggio dei server consentono di conoscere le ore, i giorni e le settimane che precedono un problema critico. In questo modo è possibile determinare se il problema si è accumulato lentamente nel tempo o se si è verificato di colpo. Sapere perché si verificano i problemi e cosa si è verificato in precedenza aiuterà a prendere decisioni migliori sull’allocazione delle risorse, sui budget, sulla gestione delle risorse o sulla sostituzione dell’hardware.

  1. Garantire migliori prestazioni del server nel tempo

Gli avvisi continui, i dashboard di riepilogo e i dati storici consentono ai professionisti IT di padroneggiare realmente la gestione dei server e di avere una visione più approfondita di ciò che ha funzionato e di ciò che non ha funzionato. Questi dettagli consentono un’ottimizzazione molto più accurata.

Procedure consigliate di monitoraggio dei server

Ci sono diversi punti chiave quando si tratta di impostare il monitoraggio remoto dei server. La giusta configurazione può garantire una gestione proattiva dell’IT attraverso avvisi e monitoraggio. Di seguito sono riportate alcune procedure consigliate chiave che abbiamo identificato:

  1. Iniziare a monitorare sia i componenti del sistema sottostante che il sistema nel suo complesso. In questo modo si avrà una visione d’insieme del comportamento dei componenti del sistema e della loro influenza reciproca.
  2. Definire gli avvisi in base alle deviazioni dalle prestazioni di base. Ricordare di utilizzare i dati storici per stabilire quante deviazioni standard sono consentite quando si creano le soglie di allarme.
  3. Affinare gli avvisi e le regole di segnalazione per evitare falsi allarmi. (Ricordarsi della favola di Esopo “Al lupo! Al lupo!”). Un numero eccessivo di falsi positivi porta a una stanchezza, che di solito porta a ignorare gli avvisi.
  4. Se si sta monitorando un’infrastruttura dinamica, si può decidere di concentrarsi solo sui servizi di monitoraggio e non sui singoli componenti.
  5. Stabilire regole definite per l’implementazione di nuovi servizi o infrastrutture. Assicurarsi che la nuova infrastruttura, l’hardware o i nuovi servizi non entrino in produzione senza che siano state predisposte regole di monitoraggio e di avviso adeguate.
  6. È importante monitorare l’IT dal punto di vista degli utenti reali. Acquisire le metriche dagli utenti reali e dalle loro reali posizioni geografiche.
  7. Non trascurare i servizi di terze parti nel monitoraggio. I problemi con una terza parte possono facilmente influenzare l’esperienza complessiva degli utenti e possono portare a problemi reali o percepiti all’interno dell’infrastruttura.
  8. Come per tutti i processi, è buona norma valutare e aggiornare regolarmente la strategia di monitoraggio per tenere il passo con i cambiamenti dell’ambiente.
  9. Le migliori soluzioni di monitoraggio possono essere utilizzate come benchmark rispetto ad altri ambienti IT per identificare le aree da migliorare e contribuire a migliorare i tempi di risposta.

Scegliere il miglior software di monitoraggio e avviso

Non tutti i sistemi di monitoraggio della rete sono uguali. L’opzione migliore dipende in larga misura dal caso d’uso e dalle esigenze dell’ambiente IT. Per i fornitori di servizi gestiti (MSP), in particolare, consigliamo una soluzione che offra tutte le funzionalità necessarie per il monitoraggio e la gestione di molti clienti diversi.

Tra le caratteristiche da ricercare vi sono il software RMM, la gestione delle patch, il monitoraggio delle notifiche SNMP, NetFlow e Syslog.

Il monitoraggio e la gestione dell’IT non sono più una questione di “se”, ma di “come”.   Comprendere le soluzioni utilizzate per condurre tale monitoraggio è il primo passo per sfruttare la potenza del monitoraggio dei server e degli avvisi. L’impostazione di un sistema di monitoraggio può sembrare scoraggiante, ma gli strumenti giusti possono rendere facile questo importante compito. Il risultato finale? Tu e il tuo team sarete in grado di individuare e risolvere i problemi in modo più rapido e affidabile, sfruttando al meglio il vostro tempo e le vostre risorse.

RMM NinjaOne per il monitoraggio dei server e gli avvisi

  • Monitoraggio e avvisi efficaci
  • Piattaforma di monitoraggio e gestione da remoto efficace e facile da usare
  • Automazione IT intuitiva
  • Gestione completa delle patch
  • Accesso remoto veloce e sicuro
  • Backup nel cloud integrato

Visita NinjaOne per iniziare subito una prova gratuita.

Passi successivi

La creazione di un team IT efficiente ed efficace richiede una soluzione centralizzata che funga da principale strumento di erogazione dei servizi. NinjaOne consente ai team IT di monitorare, gestire, proteggere e supportare tutti i dispositivi, ovunque essi si trovino, senza la necessità di una complessa infrastruttura locale.

Scopri qualcosa in più su NinjaOne Endpoint Management, fai un tour dal vivoinizia la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.

Termini e condizioni NinjaOne

Cliccando sul pulsante “Accetto” qui sotto, dichiari di accettare i seguenti termini legali e le nostre condizioni d’uso:

  • Diritti di proprietà: NinjaOne possiede e continuerà a possedere tutti i diritti, i titoli e gli interessi relativi allo script (compreso il copyright). NinjaOne ti concede una licenza limitata per l’utilizzo dello script in conformità con i presenti termini legali.
  • Limitazione d’uso: Puoi utilizzare lo script solo per legittimi scopi personali o aziendali interni e non puoi condividere lo script con altri soggetti.
  • Divieto di ripubblicazione: In nessun caso ti è consentito ripubblicare lo script in una libreria di script appartenente o sotto il controllo di un altro fornitore di software.
  • Esclusione di garanzia: Lo script viene fornito “così com’è” e “come disponibile”, senza garanzie di alcun tipo. NinjaOne non promette né garantisce che lo script sia privo di difetti o che soddisfi le tue esigenze o aspettative specifiche.
  • Assunzione del rischio: L’uso che farai dello script è da intendersi a tuo rischio. Riconosci che l’utilizzo dello script comporta alcuni rischi intrinseci, che comprendi e sei pronto ad assumerti.
  • Rinuncia e liberatoria: Non riterrai NinjaOne responsabile di eventuali conseguenze negative o indesiderate derivanti dall’uso dello script e rinuncerai a qualsiasi diritto legale o di equità e a qualsiasi rivalsa nei confronti di NinjaOne in relazione all’uso dello script.
  • EULA: Se sei un cliente NinjaOne, l’uso dello script è soggetto al Contratto di licenza con l’utente finale (EULA) applicabile.