Guarda una demo×
×

Guarda NinjaOne in azione!

Come configurare i criteri di accesso condizionale in Azure AD

Criteri di accesso condizionale blog banner image

In un’epoca in cui il lavoro a distanza e i servizi basati sul cloud sono diventati la norma, il controllo dell’accesso degli utenti è diventato una sfida e una priorità. Utilizzando i giusti criteri, è possibile ridurre i rischi, rafforzare la sicurezza e ottimizzare l’esperienza degli utenti.

L’accesso condizionale è il gatekeeper strategico che consente alle organizzazioni di controllare chi può accedere alle risorse, a quali condizioni e da dove. Nel contesto di Azure Active Directory (AD) è il fondamento della sicurezza in termini di identità, in quanto garantisce che le persone giuste abbiano il giusto livello di accesso. 

I criteri di accesso condizionale in Azure AD forniscono una strategia di controllo degli accessi solida, flessibile e sicura. Questa guida illustra le complessità della configurazione dei criteri di accesso condizionale in Azure AD, dalle basi agli scenari avanzati, in modo da permettere a chi legge di organizzare un ambiente Azure protetto da accessi non autorizzati e di mantenere un’esperienza utente fluida.

Comprendere i criteri di accesso condizionale

I criteri di accesso condizionale sono insiemi di regole e restrizioni che definiscono le condizioni di accesso degli utenti alle risorse. Comprendono un ampio range di parametri, come ad esempio gruppi di utenti, applicazioni, luoghi, stato del dispositivo e altro ancora. Lo scopo fondamentale di questi criteri è quello di applicare controlli di accesso dinamici, consapevoli del contesto e in grado di rispondere a scenari di sicurezza in continua evoluzione. Questi criteri sono fondamentali per salvaguardare l’ambiente Azure, integrando strettamente il controllo delle identità e degli accessi.

I vantaggi di efficaci criteri di accesso condizionale vanno ben oltre la sicurezza. Migliorano infatti anche l’esperienza dell’utente e semplificano la gestione degli accessi. Alcuni dei principali vantaggi includono:

  • Riduzione del rischio: I criteri di accesso condizionale riducono al minimo il rischio di accesso non autorizzato, di violazione dei dati e di attacchi legati all’identità.
  • Esperienza utente: Offrendo l’accesso solo quando necessario, questi criteri evitano ingombranti ostacoli alla sicurezza e garantiscono un’esperienza utente fluida.
  • Conformità: I criteri di accesso condizionale sono essenziali per raggiungere la conformità normativa grazie all’applicazione di controlli di accesso e alla registrazione di log dettagliati.

Configurazione dei criteri di base di accesso condizionale

La configurazione di un criterio di base di accesso condizionale in Azure AD è un processo semplice. Si tratta di creare un criterio e di definire le condizioni specifiche e i controlli di accesso:

  1. Accedi al portale Azure AD: Accedi al portale Azure AD con le credenziali amministrative.
  2. Vai nella sezione dell’accesso condizionale: Accedi alla sezione Accesso condizionale per creare un nuovo criterio.
  3. Definisci le condizioni: Specifica le condizioni di applicazione del criterio. Questo può includere gruppi di utenti, applicazioni e posizioni.
  4. Imposta i controlli di accesso: Seleziona i controlli di accesso, come l’autenticazione a più fattori (MFA) e i requisiti di conformità dei dispositivi.
  5. Assegna il criterio: Assegna il criterio agli utenti o ai gruppi selezionati.
  6. Controlla e abilita: Esamina attentamente le impostazioni del criterio e attivalo per renderlo effettivo.

I criteri di accesso condizionale offrono un controllo granulare. È possibile specificare condizioni basate su attributi dell’utente, applicazioni, luoghi e altro ancora. Questo livello di precisione assicura che l’accesso sia personalizzato in base alle esatte esigenze della tua organizzazione.

I criteri di accesso condizionale possono imporre misure di sicurezza aggiuntive quando vengono soddisfatte determinate condizioni. Per esempio, puoi richiedere l’autenticazione a più fattori (MFA) quando gli utenti si collegano da luoghi specifici o al di fuori di luoghi specifici, o anche quando accedono a dati sensibili. È inoltre comune imporre che i dispositivi siano conformi agli standard di sicurezza prima di concedere l’accesso.

Scenari avanzati di accesso condizionale

I criteri di accesso condizionale possono essere progettati per ottenere controlli molto specifici sugli utenti. I criteri basati sul rischio, ad esempio, considerano il comportamento e il contesto dell’utente per adattare dinamicamente i controlli di accesso. Questi criteri possono attivare misure di sicurezza aggiuntive quando vengono rilevate attività o rischi insoliti.

È inoltre possibile personalizzare i criteri di accesso condizionale per applicazioni e servizi specifici di Office 365. Questo livello di personalizzazione garantisce che le diverse risorse ricevano i controlli di accesso appropriati in base alle informazioni contenute e alle informazioni sensibili contenute. Alcuni clienti Azure scelgono di applicare criteri di accesso condizionale alle risorse on-premise, garantendo un perimetro di sicurezza coerente che comprende sia le risorse basate sul cloud che quelle locali.

Considerazioni sugli ambienti multi-policy

Nelle grandi organizzazioni è comune avere più criteri di accesso condizionale. La corretta gestione di questi criteri è essenziale per una strategia coesa di controllo degli accessi. Quando coesistono più criteri, è possibile che i conflitti tra questi criteri si traducano in un’esperienza utente negativa o in un rischio per la sicurezza. È fondamentale capire come interagiscono i criteri e stabilire le priorità per evitare conseguenze indesiderate.

Per creare una strategia di accesso sicura e coesa, assicurati che i criteri siano in linea con gli obiettivi organizzativi e che sia chiaro il modo in cui influiscono sull’esperienza degli utenti. L’assegnazione dei criteri ai ruoli RBAC riduce al minimo la possibilità di conflitti, così come mantenere il numero di criteri il più basso possibile. 

Le best practice per la configurazione dei criteri di accesso condizionale

Microsoft ha progettato i criteri di accesso condizionale in modo che siano facili da implementare, ma il rispetto di alcune best practice consolidate garantirà un risultato sicuro e un’esperienza utente di alta qualità:

  • Limita il numero di criteri per garantire una gestione comoda. Sebbene sia importante avere criteri che rispondano a esigenze specifiche, un numero eccessivo di criteri può diventare difficile da gestire. Limitare il numero di criteri per rendere più gestibile la manutenzione e la risoluzione dei problemi. È comune per le organizzazioni avere un criterio predefinito che si applica a tutti gli utenti, e criteri aggiuntivi che si applicano a terze parti e a chi si connette da diverse località geografiche.
  • Controlla e aggiorna regolarmente i criteri: Con l’evolversi del panorama della sicurezza, devono evolversi anche i tuoi criteri di accesso condizionale. Controlla e aggiorna regolarmente i criteri per mantenerli in linea con le mutevoli esigenze di sicurezza e per stare al passo con i progressi tecnologici.
  • Testa i criteri in un ambiente controllato: Prima di distribuire nuovi criteri, è essenziale testarli in un ambiente controllato per garantire che funzionino come previsto senza causare interruzioni. È inoltre consigliabile utilizzare l’opportunità del test per assicurarti che i criteri stiano limitando l’accesso alle risorse come previsto.

Proteggi le risorse di Azure con criteri di accesso condizionale

I criteri di accesso condizionale di Azure AD offrono una solida base per la sicurezza delle identità. Si tratta di un equilibrio tra la salvaguardia delle risorse di Azure e il miglioramento dell’esperienza degli utenti. Sfrutta la potenza dei criteri di accesso condizionale per proteggere il tuo ambiente Azure da accessi non autorizzati, garantendo al contempo un’esperienza sicura e senza interruzioni per i tuoi utenti. 

Passi successivi

Le basi della sicurezza dei dispositivi sono di importanza fondamentale per il livello generale della tua sicurezza. NinjaOne semplifica l’applicazione di patch, l’hardening, la protezione ed il backup di tutti i dispositivi in modo centralizzato, da remoto e su larga scala.

Per saperne di più su NinjaOne Protect fai un tour dal vivo o inizia la tua prova gratuita della piattaforma NinjaOne.

Ti potrebbe interessare anche

Vuoi diventare un Ninja dell’IT?

Scopri come NinjaOne può aiutarti a semplificare le operazioni IT.

By clicking the “I Accept” button below, you indicate your acceptance of the following legal terms as well as our Terms of Use:

  • Ownership Rights: NinjaOne owns and will continue to own all right, title, and interest in and to the script (including the copyright). NinjaOne is giving you a limited license to use the script in accordance with these legal terms.
  • Use Limitation: You may only use the script for your legitimate personal or internal business purposes, and you may not share the script with another party.
  • Republication Prohibition: Under no circumstances are you permitted to re-publish the script in any script library belonging to or under the control of any other software provider.
  • Warranty Disclaimer: The script is provided “as is” and “as available”, without warranty of any kind. NinjaOne makes no promise or guarantee that the script will be free from defects or that it will meet your specific needs or expectations.
  • Assumption of Risk: Your use of the script is at your own risk. You acknowledge that there are certain inherent risks in using the script, and you understand and assume each of those risks.
  • Waiver and Release: You will not hold NinjaOne responsible for any adverse or unintended consequences resulting from your use of the script, and you waive any legal or equitable rights or remedies you may have against NinjaOne relating to your use of the script.
  • EULA: If you are a NinjaOne customer, your use of the script is subject to the End User License Agreement applicable to you (EULA).